Ad un passo dalla Final Four di Coppa Italia, la Libera Virtus si inginocchia alla Fiamma Torrese nel golden set, ma si rifà della sconfitta dell’andata con una grande prestazione. Sabato, presso il palazzetto dello sport di Cerignola, le ofantine puntano in alto con un’ispirata Martilotti in prima linea che non lascia spazio alle avversarie ed una Matte che blocca a ripetizioni gli attacchi campani; questo non è bastato a bloccare un’agguerrita Sollo da posto 2 e la sua compagna Di Nicuolo negli ultimi istanti del match. Salvatore Albanese ha mandato in campo: Altomonte in regia, Costantini, Piemontese, Giordano, Martilotti, Di Candia e Tribuzio nel ruolo di libero. Per le avversarie di Salerno: Sollo, De Siano, Cozzolino, Galiero, Lauro, D’alessio.

Nel primo parziale partono bene le padrone di casa, che tengono a bada le ospiti e dimostrano di avere la giusta grinta per vincere, unita ad buon gioco: Giordano esplode da posto 4, Costantini fa ace e la Martilotti impartisce ordini sia in attacco che dal servizio. Con il punteggio sempre in bilico, le atlete della Fiamma Torrese si fanno avanti: Lauro prima entra nel campo ofantino con una bordata laterale, poi spiazza tutti con un diagonale perfetto che riporta la propria squadra in gara, fino ad arrivare al pareggio. Nel finale del set, l’ingresso di Matte per Di Candia cambia volto alla sfida: il duello all’ultimo punto si risolve quando Martilotti non riduce la sua carica: attacco sulla linea di fondocampo (19-16), poi asseconda il recupero di Tribuzio con una pipe vincente che manda in visibilio il pubblico ed infine blocca gli attacchi avversari a muro (24-21). Seguendo la giusta scia creata, Giordano conclude il set con un diagonale mancino imprendibile.

Con il cambio campo le cose non sembrano cambiare: Martilotti apre il secondo periodo con una pipe, anche se il sestetto ospite reagisce; un’ingegnosa Altomonte dona il settimo punto alla Cav con un attacco di seconda che beffa la difesa campana. Nonostante una piccola ripresa della Fiamma, le virtussine riescono a mantenere le giuste distanze: Costantini avanza con una pipe, Martilotti martella da posto 4 e Matte disegna la fast vincente. Costantini mura Sollo, Giordano mette giù il pallone in parallela ed è doppio vantaggio per Cerignola.

Inizio travagliato per le ragazze di Albanese nella terza frazione: Cozzolino al servizio, Lauro sembra nuovamente ingranare sottorete e De Siano riesce a scardinare il muro gialloblu. Il momento continua sempre in positivo per le napoletane, che si giovano di diversi errori locali: Martilotti spiana la via alle compagne, Piemontese sovrasta De Siano in difesa, Giordano alza il muro perfetto e Matte segna il punto della  rimonta per una Libera Virtus in ascesa. Con il punteggio sul 12-11, le gialloblu però ridanno fiato alle avversarie non mantenendo la concentrazione: servizio vincente di Galiero, Sollo implacabile in prima linea e De Siano incide fermando Giordano a muro. Subito dopo, però, un servizio out delle avversarie ristabilisce la giusta carica alle cerignolane: Matte domina la scena con due fast travolgenti, Martilotti crea faville dal servizio e gli ultimi due errori della Fiamma Torrese concludono il set per 25-21.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Restituito il risultato dell’andata, la qualificazione si decide al golden set: come nel precedente parziale, l’avvio non è esaltante, così Lauro riesce ad avere la meglio, portando la formazione campana avanti di qualche lunghezza. Le ultime fasi del golden set sono molto avvincenti: Di Candia entra al servizio per Matte e Di Candia, ma proprio dai nove metri arrivano gli errori decisivi (Piemontese e Giordano) per impedire l’aggancio. A ciò si somma il punto risolutore della Di Nicuolo (13-15) e la Fiamma Torrese si aggiudica un posto nella Final four. Applausi comunque a scena aperta per la Libera Virtus, che sabato si ritufferà nel campionato, ospitando la Coged Teatina Chieti.