L’Audace Cerignola si regala altri tre punti, passando in una partita ricca di emozioni 3-5 ad Otranto: gli ofantini rincorrono per due volte, poi riescono a prendere il largo e a conquistare il ventunesimo risultato utile consecutivo. Mister Farina opta per un 3-5-2, nel quale in difesa ci sono Martinez ed Altares insieme a Belluoccio; Naglieri torna sulla fascia sinistra di centrocampo con Albanese a fianco di Vicedomini. Solito 4-3-3 per l’Otranto di Salvadore: infortuni dell’ultim’ora per Deffo e Mariano, in avanti il trio Palma-Brindisi-Sanchez Martin. Nel primo tempo, l’Audace gioca a favore di vento, con Eolo che fa sentire abbondantemente la sua presenza sul rettangolo verde: dopo 45″, Altares pesca Di Rito in area, il colpo di testa dell’argentino è parato da Caroppo. Al 4′, calcio di rigore per l’Otranto: Vicedomini ribatte col braccio aderente al corpo una punizione di Gonzales Mora, per il sig.Casalini di Pontedera è rigore. Palma col sinistro batte Roberto Marinaro, che pur aveva intuito il lato giusto alla sua destra. Colpiti a freddo, i cerignolani reagiscono senza indugio: Morra al 15′ non approfitta di un mezzo liscio di un difensore, poi Loiodice tenta l’azione personale ma il destro è appena alto. Il pareggio al 20′: traversone di Loiodice, Morra sbuca alle spalle di Saracino e di testa insacca. Cinque minuti più tardi e stavolta il penalty è per gli ospiti: Boualam tirà giù con le cattive Loiodice, dagli undici metri c’è Di Rito che però vede neutralizzare la conclusione da Caroppo, tuffatosi sulla sinistra; il numero 9 gialloblu si gira repentinamente in area e conclude, mancando di poco il bersaglio grosso. Loiodice prova ancora la soluzione personale senza esito, poi al 35′ Belluoccio stende proprio al limite dell’area Sanchez Martin e l’arbitro indica nuovamente il dischetto. Palma è ancora freddo, nella circostanza spiazzando nel duello Marinaro. Due giri di lancette dopo, il quarto rigore assegnato dal fischietto toscano: il cross di Naglieri è stoppato col braccio largo da Manneh Suwa, l’incarico della trasformazione tocca a Loiodice che non sbaglia con la botta centrale. Belluoccio è in grande difficoltà a destra, Farina lo sostituisce con Amoruso, arretrando Cappellari: proprio il neoentrato al 45′ inzucca alto su invito di Naglieri, concludendo un primo tempo in cui certo non ci si è annoiati.

In avvio di ripresa, dopo una rete annullata a Di Rito, Roberto Marinaro si esalta sul colpo di testa di Brindisi al 47′. Il Cerignola si schiera ora col 4-3-3, all’ora di match Morra con un diagonale lambisce il legno, al 62′ Di Rito salta Boualam in bello stile e batte Caroppo, finalizzando una ripartenza da manuale. La girandola di emozioni non si ferma: Naglieri sfiora l’autogol con i padroni di casa ora ad avere il vantaggio del vento a favore (nettamente diminuito comunque nella seconda metà di gara), Loiodice sbaglia col tiro a giro a seguito di una manovra ben orchestrata dagli ofantini. Sanchez Martin con un potente destro centra l’esterno della rete, sul capovolgimento di fronte Di Rito riscatta pienamente l’errore dal dischetto firmando la personale doppietta sottomisura (72′). L’Otranto non vuole alzare bandiera bianca, serve un altro super intervento di Marinaro per negare il gol al subentrato Luca. I salentini accorciano le distanze all’82’: calcio da fermo di Lima, Gogovski di testa la mette dove il numero uno cerignolano non può arrivare. Morra non è feroce nella deviazione aerea su imbeccata di Loiodice, Boualam è espulso per doppia ammonizione e la capolista scrive la parola fine al 91′ con Ladogana (entrato al posto di Di Rito): biancazzurri sbilanciati ed il preciso tracciante dell’attaccante termina nell’angolino basso. Ultima annotazione sul taccuino, il palo colpito da Loiodice al 95′, poco prima del triplice fischio.

L’Audace porta via il bottino pieno dal “Pasquale Nachira”, evitando le trappole delle assenze per squalifica di Pollidori e Carmine Marinaro e l’insidia del forte vento. In classifica, nessuna novità: gialloblu e Bitonto sempre divisi da due punti e domenica prossima una giornata che può rivelarsi fondamentale. Cerignola-Altamura ed i neroverdi a Casarano: nell’incrocio delle prime quattro, una fetta di campionato potrebbe decidersi nel quart’ultimo turno di una appassionante Eccellenza.

OTRANTO-AUDACE CERIGNOLA 3-5

Otranto: Caroppo, Manneh Suwa, Saracino (63′ Mounchid), Gogovski, Boualam, Lima, Palma, Stajano, Brindisi (77′ Villani), Martin Sanchez, Gonzales Mora (75′ Luca). A disposizione: Mele, Rizzo, Delle Donne, Pantaleo. Allenatore: Andrea Salvadore.

Audace Cerignola: Marinaro R., Belluoccio (39′ Amoruso), Naglieri, Vicedomini, Martinez, Altares, Cappellari, Albanese (64′ Ciano), Di Rito (78′ Ladogana), Loiodice, Morra. A disposizione: Diouf, Russo, Trovè, Dipasquale. Allenatore: Francesco Farina.

Reti: 5′ Palma (O, rig.), 20′ Morra, 36′ Palma (O, rig.), 38′ Loiodice (rig.), 62′ e 72′ Di Rito, 82′ Gogovski (O), 91′ Ladogana.

Ammoniti: Caroppo, Boualam, Martin Sanchez (O); Belluoccio, Naglieri, Vicedomini, Loiodice (AC). Espulso: Boualam (O) all’88’ per doppia ammonizione.

Angoli: 4-9. Fuorigioco: 0-5. Recuperi: 3′ pt, 5′ st.

Arbitro: Casalini (Pontedera). Assistenti: Morea (Molfetta)-Fracchiolla (Bari).

Note: Caroppo al 25′ para rigore a Di Rito (AC).

CLASSIFICA ALLA VENTISEIESIMA GIORNATA

Audace Cerignola 61; Bitonto 59; Team Altamura 54; Casarano 49; Barletta 40; Atletico Vieste 39; Otranto 35; Unione Calcio Bisceglie 32; Pro Italia Galatina, Noicattaro 30; Avetrana 27; Gallipoli (-2), Novoli, Vigor Trani 25; Molfetta Sportiva 19; Hellas Taranto 18.

  • Forza Gnola

    Penso che Domenica prossima occorrerà fittare una stadio più grande….Tutti allo stadio