Negli ultimi due giorni, nel corso di vari servizi di controllo del territorio, oltre che di appostamento e di pedinamento, i Carabinieri di Cerignola hanno tratto in arresto 5 persone in 4 distinte operazioni di servizio.

I primi due a finire in manette sono stati DI DONATO DANILO, cl. ’98, con piccoli precedenti di polizia, e un complice diciassettenne, entrambi di Cerignola, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. In particolare, i militari della Stazione di Cerignola, dopo varie segnalazioni ricevute da alcuni genitori di giovani, i quali riferivano che all’interno della villa comunale vi era una continua attività di spaccio di sostanze stupefacenti, hanno predisposto un servizio di osservazione all’interno del parco. Al termine del servizio, durato alcune ore, i militari, che con non poche difficoltà hanno fatto in modo di non destare alcun sospetto ai vari ragazzi presenti, hanno bloccato i due giovani mentre stavano prelevando la droga da un buco ricavato in un muro. Infatti, all’interno del buco, gli operanti hanno rinvenuto 37 grammi di hashish e 5 di cocaina, già confezionati per lo spaccio, che i due si stavano accingendo a prendere per la successiva consegna a degli assuntori. Su disposizione dei Pubblici Ministeri competenti, della Procura di Foggia per il maggiorenne, e della Procura dei Minorenni di Bari per il minorenne, entrambi gli arrestati sono stati sottoposti ai domiciliari.

Sempre i militari della Stazione, poi, hanno tratto in arresto NEDELEA LIVIU TUDOREL, cl. ’85, pregiudicato di origini rumene. Nedelea, ristretto ai domiciliari per reati in materia di stupefacenti, è stato sorpreso dai militari all’esterno della propria abitazione. Anche Nedelea è quindi stato risottoposto agli arresti domiciliari e risponderà del reato di evasione.

I militari dell’Aliquota Radiomobile del NORM della Compagnia, invece, hanno arrestato CAPUTELLI GIUSEPPE FRANCESCO, cl. ’96, incensurato di Barletta. Durante la notte i militari erano intervenuti lungo la via Consolare dopo la segnalazione di un incidente stradale. Giunti sul posto, i militari notavano un’auto che si era schiantata contro altre tre parcheggiate, e due ragazzi all’esterno dell’autovettura, col viso tumefatto. Uno dei due, l’autista, alla vista dei militari si dava alla fuga a piedi. Rincorso per quasi un chilometro, è stato bloccato, nonostante la violenta resistenza opposta ai militari nel vano tentativo di liberarsi. Caputelli, quindi, in evidente stato di alterazione psicofisica, veniva tratto in arresto per resistenza a Pubblico Ufficiale, e deferito in stato di libertà per guida in stato di ebbrezza. Allo stesso è stata anche ritirata la patente.

I militari del Nucleo Operativo, poi, hanno arrestato MAGGIO DOMENICO, cl. ’89, incensurato cerignolano. Dopo vari servizi di osservazione e pedinamento, condotti per diversi giorni, in via Manfredonia i militari hanno deciso di intervenire bloccando la Ford Fiesta a bordo della quale Maggio viaggiava, e, al termine di un’approfondita perquisizione personale e veicolare, hanno trovato 10 involucri di cellophane, tutti contenenti della cocaina in forma solida, del peso complessivo di ben 135 grammi. La sostanza, che ancora doveva essere sottoposta al procedimento di “taglio”, che ne avrebbe più che raddoppiato il peso, è stata sequestrata, mentre Maggio è stato dichiarato in arresto per detenzione ai fini di spaccio di cocaina e sottoposto agli arresti domiciliari. La droga, una volta immessa nel mercato, avrebbe fruttato almeno 30.000 Euro.

Questo slideshow richiede JavaScript.

  • Gino del forno

    I Carabinieri riferiscono: “all’interno della villa comunale vi era una continua attività di spaccio di sostanze stupefacenti”.
    Ecco che fina ha fatto la villa comunale: un luogo di spaccio di droga!
    Grazie sindaco Metta per l’affidamento ai privati.
    Luogo di spaccio, luogo per i bisogni dei cani, parcheggio interno per i motorini, entrano auto e camion, dipendenti della cooperativa a rischio licenziamento.
    Ringraziamo il sindaco per la nuova la villa comunale “molto ricreativa”.
    Andate a casa, poveracci!

    • Concordo

      Concordo, tra l’altro la sera e la notte l’accesso è libero e costante per chiunque.
      A che serve spendere soldi per l’arco della rimembranza quando poi sarà alla mercé di qualunque malintenzionato di notte?
      I controsensi di Cerignola… spendi soldi per restaurare un arco con mille premure e poi la sera spegni la luce e te ne vai lasciandolo incustodito… boh

    • rino

      SCUSA, NON SONO DELLA CICOGNA PERO’ NON SMINUIRE UN’OPERAZIONE COSI’ IMPORTANTE E BEN FATTA GRAZIE AI CARABINIERI CON UNA QUESTIONE POLITICA. TANTO LA DROGA A CERIGNOLA SI VENDE IN TANTI LUOGHI.
      POI CHE METTA DORME E’ VERO, PURTROPPO DOPO TANTO FALSO MORALISMO CHE HA FATTO PER TANTI ANNI, OGGI METTA SI RILEVA ALLA STESSA STREGUA DI GIANNATEMPO E COMPANY

  • Andrea il caffettiere

    Da quanto si evince leggendo questo giornale cittadino, a breve a Cerignola non rimarrà nessuno, tutti in galera o nei centri di disintossicazione. Che schifo!!!!!

    • TONINO

      NOI CITTADINI ONESTI E MIGLIORI DOBBIAMO FARE LA NOSTRA PARTE.

      AD ESEMPIO PRETENDERE DALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE QUALSIASI ESSA SIA DI QUALUNQUE COLORE, UNA MIGLIORE GESTIONE DEL NOSTRO PAESE. ONESTA’, ONESTA’, SPIRITO DI SACRIFICIO DA PARTE DEGLI AMMINISTRATORI CHE SI SONO VOLUTI CANDIDARE E AMMINISTRARE; ADESSO DOVETE FARLO CON IMPEGNO.
      LA MAGGIOR PARTE DEI CITTADINI A CERIGNOLA SONO PERSONE PER BENE E ONESTE CHE DETESTANO I CORROTTI E DELINQUENTI.

      DAI, FORZA SINDACO CERCHEREMO ANCORA DI ESSERE CON TE. DAI UN ESEMPIO. GRAZIE

  • john

    Purtroppo Cerignola e’ allo sbando totale. Un paese in mano a dei bambini che crescono guardando in tv Romanzo Criminale, Gomorra e la De Filippi….. Dovremmo reagire e no stare a guardare,,,,,,, organizzarsi…….perche’ la legge non ci tutela.

  • il guastafeste

    la villa comunale? La villa comunale è diventata uno scempio urbano. L’affidamento ai privati quali effetti ha prodotto? Sarebbe dovuta essere il polmone verde della città, invece ora nelle condizioni in cui è sarebbe solo buona per il pascolo, ammesso che anche quei ciuffi d’erba spontanea non siano seccati.

  • Rino c’era!

    Il vicesindaco, su facebook, si era indignato per l’altalena dei disabili danneggiata.
    E adesso Pezzano non dici nulla????
    Silenzio, vero?
    Nella villa comunale affidata alla suocera del consigliere comunale della Cicogna, Vincenzo Erinnio, si spaccia e si danneggiano le altalene, non dici nulla vicesindaco?
    Cosa ha prodotto l’affidamento ai parenti privati?
    Hai paura? Vergognati, cosa penseranno un giorno i tuoi figli?
    Caccia le p***e!

    • Renato

      Quello è il primo debosciato della politica cerignolana , uno che ha vcambiato dieci bandiere, dieci ideale , e tradirebbe pure la madre per un euro in più.

  • nino

    GRAZIE MILLE VOLTE AI CARABINIERI. GLI UNICI