Ogni anno, il 22 marzo ci ricorda il valore dell’acqua. Sulla Terra oltre 663 milioni di persone vivono senza acqua potabile mentre l’80% delle acque reflue provenienti dalle nostre case, dall’industria e dall’agricoltura rifluisce alla natura senza trattamenti o riutilizzi efficaci. Il ciclo dell’acqua è importantissimo per la salvaguardia ambientale e la Giornata Mondiale dell’Acqua è un’occasione per riflettere, discutere, studiare, approfondire. Ognuno di noi può fare la sua parte: riducendo i consumi, eliminando gli sprechi, ottimizzando il riciclo e diffondendo le buone pratiche di utilizzo del cosiddetto “oro blu“.

La Giornata Mondiale dell’Acqua (World Water Day) è una ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992, e il 22 marzo di ogni anno gli Stati che siedono all’interno dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sono invitati alla promozione dell’acqua promuovendo attività concrete nei loro rispettivi Paesi. Per la prima volta quest’anno anche le scuole di Cerignola hanno aderito all’iniziativa, promossa dall’Associazione “Fondazione Pavoncelli”, presidente dott. Michele Marino, che ha sottoscritto uno specifico Protocollo di Intesa con l’Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia in data 22 dicembre 2015, che hanno manifestato il comune interesse a collaborare in azioni volte a promuovere la valorizzazione della figura storica di Giuseppe Pavoncelli e la formazione culturale e professionale dei giovani in tema di civiltà contadina, storia agraria e latifondismo, coltivazioni autoctone, nonché promozione e valorizzazione dell’agricoltura sostenibile ed educazione alla tutela ambientale.

L’IISS Pavoncelli insieme all’I.C. Di Vittorio-Padre Pio, diretto dalla dott.ssa Luicia Lenoci, e la Scuola media Pavoncelli, diretto dal prof. Vito Panebianco, hanno ricordato il valore dell’acqua ai giovani studenti partecipanti, che sono stati sensibilizzati riguardo l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Presente la dott.ssa Mara Monopoli, in rappresentanza dell’Associazione “Fondazione Pavoncelli”, che ha portato i saluti del Presidente, che nel suo messaggio augurale ha ricordato il valore dell’iniziativa e i benefici apportati al nostro territorio, alle famiglie e alle attività agricole dall’Acquedotto Pugliese, grandiosa opera voluta dal concittadino Giuseppe Pavoncelli.

Gli allievi dell’Istituto Agrario, guidati dalle docenti Sonia Genovese e Laura Zefferino, hanno ripercorso la storia dell’Acquedotto pugliese, che risolse il millenario problema della nostra scarsità d’acqua, come diceva Orazio “… siderum insedit vapor siticulosae Apuliae (arriva alle stelle l’afa della Puglia sitibonda)”. Le attività sono proseguite con delle esperienze di laboratorio sulle proprietà fisiche e chimiche dell’acqua, illustrate dalla prof.ssa Tiziana Pellicano, docente di chimica agraria, con gli interventi interessati dei giovani allievi dell’I.C. Di Vittorio-Padre Pio e Scuola media Pavoncelli.

Dunque l’acqua è vita e i Livelli di Assunzione Giornalieri Raccomandati di Energia e Nutrienti per la popolazione italiana (LARN) suggeriscono di bere 1 ml di acqua ogni kcal consumata. Più semplicemente si può applicare la seguente formula: peso corporeo in kg x 0,03 = litri di acqua necessari quotidianamente. Quindi, per uno studente di 60 kg ha bisogno di 1,8 litri di acqua al giorno, quantità che può essere soddisfatta dall’acqua di bevanda, ovvero l’acqua che beviamo tal quale, o dall’acqua alimentare, cioè quella contenuta negli alimenti, come verdura e frutta che contengono grandi quantità d’acqua. Le fragole sono uno degli alimenti più ricchi di acqua, fino al 91%, e proprio le fragole sono stati i principali ingredienti scelti dagli allievi dell’Alberghiero, coordinati dalla docente Angela Lasalvia, per la preparazione di dolci e dessert, serviti a tutti i presenti nel momento conviviale conclusivo.

CONDIVIDI
  • IL CUORE DI UN PADRE

    DA PADRE DI FAMIGLIA MI CONGRATULO CON IL DIRIGENTE PIO MIRRA E TUTTI I SUOI COLLEGHI. FIERO DI AVER INDIRIZZATO MIO FIGLIO A CONTINUARE LE SCUOLE PRESSO L’ISTITUTO DA LEI DIRETTO.