Domenica 26 marzo alle ore 19, presso la biblioteca per bambini e ragazzi “L’albero dei fichi”, l’associazione “Giorgia Lomuscio, tutto per amore” ha presentato la fiaba per bambini “Ilai, il magico unicorno”. L’associazione “Giorgia Lomuscio” è nata col fine di raccogliere fondi per la ricerca sul Sarcoma di Ewing, un terribile male che ha colpito all’età di soli 13 anni Giorgia, nel cui ricordo i suoi genitori hanno deciso di fondare l’associazione. Prima della lettura della fiaba, è stato proiettato un video nel quale sono state ripercorse le tappe del «cammino di amore e di forza di 196 giorni» – come lo definisce Giuseppe Lomuscio, papà di Giorgia e referente dell’associazione -.

La diagnosi, le cure al “Meyer” di Firenze ma anche l’accoglienza ed il sostegno di parenti ed amici, l’incontro con la comunità dei “Giovani di Betania”, che hanno accompagnato e sostenuto Giorgia lungo questo percorso, e la dedica alla fanciulla, da parte di un’infermiera che seguiva il caso, della fiaba di Ilai, ispirata a quello che era il grande sogno che Giorgia racconta in un suo tema, che suo padre ha definito “il suo testamento spirituale”: “Vorrei essere come il vento: libera di fare come ciò che per me è giusto, facendo toccare il cielo alle foglie ormai cadute .

«Con la pubblicazione di questo libro – ha spiegato in conclusione Giuseppe Lomuscio – vogliamo trasformare il nostro dolore in energia e forza. Portiamo in giro questo format per sensibilizzare le persone con cui veniamo in contatto; il nostro augurio è che nessun ragazzo possa essere colpito da questo male ma abbiamo deciso di fondare questa associazione perché in fondo è quello che ci ha chiesto Giorgia nel suo tema e perché questo è anche un modo per tenere Giorgia viva. Il nostro vuol essere un messaggio di speranza»La fiaba di Ilai può essere acquistata presso la biblioteca per bambini e ragazzi “L’albero dei fichi”, il cui ricavato verrà devoluto all’associazione “Giorgia Lomuscio”.

Questo slideshow richiede JavaScript.