Proseguono incessantemente le attività di contrasto alla criminalità diffusa, da parte del personale del Commissariato di P.S. di Cerignola, diretto dal Vice Questore Aggiunto Loreta COLASUONNO, in particolare si evidenziano le operazioni di polizia svolte negli ultimi giorni.

Nella mattinata del 25 marzo u.s., a seguito di attività info-investigativa, attivata a seguito di numerose segnalazioni giunte da parte dei cittadini frequentanti la villa comunale di Cerignola, personale dipendente in servizio di volante, dopo un’attenta osservazione, riusciva ad individuare un giovane che veniva avvicinato da alcuni ragazzi e cedeva degli involucri previo scambio di banconote.

Al termine dell’ultima cessione, gli Agenti decidevano di intervenire, per bloccare l’attività criminosa in atto; proprio in quel momento il giovane spacciatore, vistosi scoperto nella sua attività, si dava alla fuga per le vie adiacenti la villa comunale, lasciando cadere al suolo, durante la sua fuga, alcuni involucri contenenti della sostanza stupefacente che veniva successivamente recuperata dagli Agenti.

Il giovane bloccato veniva identificato per il pregiudicato CURCI Antonio, classe 1994, che veniva dichiarato in stato di arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e, dopo le formalità di rito, veniva posto agli arresti domiciliari così come disposto dal P.M. di turno.

Nella circostanza, veniva sequestrata della sostanza stupefacente tipo hashish e marijuana suddivisa in dosi, nonché delle banconote di piccolo taglio, provento dell’attività delittuosa.

Nel successivo pomeriggio del 29 marzo u.s., gli Agenti del Commissariato di P.S. di Cerignola, a seguito di preordinata attività di prevenzione, tesa a contrastare qualsiasi forma di crimine diffuso, effettuava alcune perquisizioni domiciliari e locali, tese al rinvenimento di armi e/o esplosivi, detenuti illegalmente.

Durante una di queste, veniva rinvenuta all’interno di un furgone, abilmente occultata all’interno di un grosso sacchetto in alluminio, Kg 2,850 di sostanza stupefacente di tipo marijuana, in forma sfusa, unitamente ad un bilancio di precisione, utilizzata per l’attività delittuosa.

Nella circostanza veniva tratto in arresto, per detenzione illegale di sostanza stupefacente, CAPPELLARI Salvatore, classe 1976, incensurato, che, dopo le formalità di rito, veniva posto agli arresti domiciliari così come disposto dall’A.G. in attesa della celebrazione del processo per la relativa convalida. 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Denuncia a P.L. per il reato di truffa nei confronti di persone anziane.

Nella mattinata del 14 marzo u.s. personale dipendente, a seguito di attività info-investigativa, riusciva ad intercettare per le vie cittadine, un’autovettura condotta da un cittadino di origine campana, sorpreso nel mentre aveva tentato di truffare una persona anziana, nel mentre gli proponeva l’acquisto di alcuni orologi con marchio contraffatto di note marche, nonché di un diamante falso, in cambio di 50,00 euro.

In particolare la persona anziana, denunciava agli Agenti intervenuti che, mentre percorreva le vie cittadine, veniva avvicinato da un giovane con accento campano che viaggiava a bordo di un’autovettura, il quale accennava ad approcciarlo, asserendo di conoscerlo e di averlo conosciuto presso un istituto scolastico di Cerignola. La persona anziana intuiva che era in atto un tentativo di truffa nei suoi confronti e, per timore che gli potesse accadesse qualcosa, acconsentiva a salire sull’autovettura del malfattore che, durante il tragitto percorso per recarsi a casa dell’anziano, gli proponeva l’acquisto di alcuni orologi e di un gioiello che avrebbe dovuto consegnare ad un fantomatico dott. Lombardi che il malfattore diceva di non avere trovato in casa.

Il giovane fermato dagli operatori di polizia, veniva identificato per il pregiudicato SAVINO Salvatore classe 1986; nella circostanza si verificava che era giunto in Cerignola dalla vicina Campania e che all’interno dell’autovettura lo stesso aveva numerosi orologi con i marchi contraffatti ed alcuni gioielli falsi.

La perquisizione estesa sulla persona permetteva di rinvenire e sequestrare della sostanza stupefacente del tipo hashish, che veniva debitamente sequestrata, contestualmente alla segnalazione Prefettizia per l’illecito possesso dello stupefacente per uso personale.

  • savino

    ok, la foto di gervasio che centra?

    • silvano

      gervasio è un boss

      • il finto polizziotto

        hahahahahahahahahah e nu boss d la mala vet cum dess wuain

        • silvano

          anche lo zio peppino la scimmia è un boss delle banane

  • Paolo

    Ma come si fa 2 kg di Maria agli arresti domiciliare !!!!!ma che giustizia è!!!!!!!!

    • Riformare

      Devi chiederlo al
      Magistrato..la
      Polizia e i carabinieri fanno il loro lavoro, senza mezzi e senza tutele!!

      • cheleggoafare

        “Senza tutele”