Il lavoro svolto negli ultimi mesi dagli uomini del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cerignola, diretto dal Vice Questore Aggiunto COLASUONNO Loreta continua a portare i suoi frutti.

Era lo scorso 21 gennaio, infatti, quando gli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cerignola intervennero all’interno di un supermercato, situato nelle vicinanze del cimitero di Cerignola, in seguito alla richiesta di aiuto per una rapina in corso. Gli agenti trovarono la proprietaria in forte stato confusionale che, in lacrime, raccontava loro quanto accaduto poco prima e cioè che due individui, con il volto travisato da passamontagna, dei quali uno armato di un grosso coltello da cucina, avevano fatto irruzione all’interno della sua attività commerciale e, con la minaccia dell’arma, avevano sradicato il cassetto posto sotto il registratore di cassa e si davano a precipitosa fuga, facendo perdere le loro tracce. La visione delle immagini del sistema di videosorveglianza installato presso il supermercato dava modo agli agenti di indirizzare le indagini su due individui, residenti nella stessa zona ove era situata l’attività. Le indagini condotte successivamente permettevano di appurare, con assoluta certezza, l’identità dei due rapinatori, tesi che veniva posta al vaglio dell’attività Giudiziaria, la quale sposava in pieno quanto comunicato dalla Polizia di Stato di Cerignola, emettendo, lo scorso 6 aprile, ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere nei confronti di DILISO Pasquale, classe 1996, giovane che a suo carico vantava piccoli precedenti di polizia. Puntualmente il DILISO veniva rintracciato dagli stessi uomini del Commissariato P.S. di Cerignola, tratto in arresto e condotto presso la Casa Circondariale di Foggia, a disposizione dell’A.G. procedente. Per quanto concerne il complice, è stato denunciato in stato di libertà in quanto, all’epoca dei fatti, minore degli anni 18.

Questo slideshow richiede JavaScript.

CONDIVIDI
  • Giusto

    Ma quanti merdosi ha Cerignola ? Buttategli la chiave a sti M….. che fanno male e non servono a niente.

  • silvano

    che di sciom rubagallen