Articolato e intenso il programma delle celebrazioni in Cattedrale presiedute dal vescovo Luigi Renna: 

9 aprile 2017: Domenica delle Palme – Passione del Signore

ore 10: presiede la statio nella rettoria della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo e la processione verso la Cattedrale per la celebrazione eucaristica della Domenica delle Palme.

10 aprile 2017: Lunedì Santo

ore 11: celebra il precetto pasquale nell’Ospedale «G. Tatarella» (Cerignola); ore 19,30: celebra l’eucaristia per i portantini delle processioni della Settimana Santa e della Madonna di Ripalta in Cattedrale. 

11 aprile 2017: Martedì Santo

ore 19,30: celebra il precetto pasquale per le istituzioni scolastiche in Cattedrale.

12 aprile 2017: Mercoledì Santo

ore 18: celebra la Messa Crismale in Cattedrale.

13 aprile 2017: Giovedì Santo

ore 9: celebra l’Ufficio delle Letture e le Lodi Mattutine nella rettoria della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo con la presenza del Capitolo Cattedrale; ore 19: celebra la messa In Coena Domini in Cattedrale; ore 22,30: guida la preghiera dinanzi all’Altare della Reposizione in Cattedrale. 

14 aprile 2017: Venerdì Santo

ore 9: celebra l’Ufficio delle Letture e le Lodi Mattutine nella rettoria della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo con la presenza del Capitolo Cattedrale; ore 15: celebra la Liturgia della Passione del Signore in Cattedrale; ore 19: presiede la processione de La Desolata dalla chiesa di San Francesco d’Assisi verso la Cattedrale e, in piazza Duomo, guida la Via Crucis cittadina. 

15 aprile 2017: Sabato Santo

ore 9: celebra l’Ufficio delle Letture e le Lodi Mattutine nella rettoria della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo con la presenza del Capitolo Cattedrale; ore 18: celebra la Veglia Pasquale nel santuario diocesano della Madonna di Ripalta (Cerignola); ore 22,30: celebra la Veglia Pasquale in Cattedrale.

16 aprile 2017: Domenica di Pasqua Risurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo

ore 12: presiede il Pontificale di Pasqua in Cattedrale; ore 19: presiede il Pontificale di Pasqua nella Concattedrale (Ascoli Satriano).

CONDIVIDI
  • riflessione

    invece di predicare amore,amore,amore ogni tanto scendi sulla terra e parla di lavoro che la gente muore di fame e i depressi stanno aumentando in modo esponenziale

    • Obiettivo

      Seeee il lavoro” lasciate ogni speranza” disse Uno.Ormai non c’è piu speranza in questo paese..lavorano solo gli extracomunitari ovviamente a basso costo e a noi italiani non ciresta che arrampicarci alla fede..si ma non è Pane caro vescovo!!!

      • Franco

        Voi parlate di lavoro, cosa sacrosanta, giusto, visto la disoccupazione alta al Sud, a Cerignola poi ancor più alta, ma ditemi i lavoratori dove sono????? Non ho mai visto cortei di protesta, mai sentito di persone che fanno pressione sui poteri per far creare del lavoro, invece io e tutti voi, vediamo giovani che fanno la bella vita, spensierati, ben vestiti, con auto, si divertono, si beve, si mangia, si balla, fin che la barca va………….!!!!!!

        • Sciotavenn

          Parole sante ( è il caso di dire!) tutti si lamentano ma chissà perché con l’estate alle porte il paese si svuota, i lidi sono pieni, le pizzerie lo stesso, per non parlare di quelle donne che per fare 300 metri mettono il ..sedere il macchina, magari senza assicurazione e senza bollo ma in macchina anasce’!! Fanno debiti su debiti ma la festa alla comunione ed al battesimo lanafall!
          Il lamento sempre e comunque è il frutto della sub cultura che in qst paese è enorme!! Si pretende il lavoro ma le giornate false per prendere La disoccupazione sulle spalle di chi grava???!!!! Sciotavenn!!!!!