Arriva una sconfitta nell’ultima trasferta della stagione per i ragazzi dell’EcoLav Udas Volley: la squadra di mister Roberto Ferraro si arrende per tre set a uno (25-19/25-18/23-25/25-16) con l’Asem Bari e dovrà giocarsi le proprie chance di salvezza sabato prossimo con una diretta concorrente per la permanenza in B, Etè Saporito Cosenza. Il tecnico udassino, nonostante abbia alcuni giocatori acciaccati ma una panchina cortissima, si affida alla diagonale composta dal regista Calcabrini e l’opposto V. Petruzzelli, i centrali Lanzone e Zoccola, i laterali Civita e F. Petruzzelli, oltre che al libero Raffaele.

Il match inizia sulla falsariga dell’equilibrio: le due compagini riescono facilmente a trovare il cambio palla e a essere efficienti in difesa. Dopo il primo time out tecnico, però, sono i padroni di casa a prendere il sopravvento, merito anche di una battuta efficace. La squadra barese gioca in maniera più sciolta e con la testa libera da preoccupazioni, non avendo più nulla da chiedere a questo campionato se non migliorare la sesta posizione in classifica. L’EcoLav Udas prova a ricucire lo strappo, ma non riesce a colmare quei tre, quattro punti di svantaggio. Gap che aumenta sul finire del set: sono così i padroni di casa a conquistare il primo parziale. La pressione psicologica ora è ancor di più sulle spalle degli udassini e si fa sentire all’inizio del secondo parziale: 6 a 0 per l’Asem con mister Ferraro costretto a richiedere il time out. Piano piano la formazione cerignolana ricomincia a macinare gioco e a portarsi a più riprese ad un passo dal pareggio. E’ ancora una volta la parte finale del set a essere indigesta agli udassini: lo sforzo profuso per rientrare in gara, unito ad alcune decisioni più che dubbie della coppia arbitrale, è fatale a Lanzone e compagni che capitolano anche nel secondo parziale.

E’ una situazione che si è ripresentata più volte in stagione: sotto di due a zero, l’EcoLav è chiamata alla rimonta. Mister Ferraro getta nella mischia l’esperto centrale Lombardi in luogo di Zoccola, non al meglio. Proprio la battuta del numero 4 biancoazzurro crea qualche grattacapo nella difesa barese, con Lanzone lesto ad approfittarne in più di un’occasione. Punto dopo punto, la squadra cerignolana acquisisce maggiore fiducia: funziona il muro, c’è più continuità al servizio e l’opposto Petruzzelli dimostra di avere il braccio ‘caldo’. I padroni di casa riescono a rientrare in gara, anche se il match procede a strappi ed è più spigoloso. Il finale riserva maggiori emozioni: i ragazzi di mister Ferraro riescono comunque a mantenere e a proteggere un break di vantaggio fino alla fine del set. Ci si aspetta più equilibrio fin dalle prime battute, ma l’inizio del quarto periodo è negativo per gli udassini: l’Asem si porta in un ‘amen’ sul 6 a 0. Entrambe le squadre dimostrano comunque di essere determinate a conquistare la posta in palio e la partita si fa anche più nervosa. L’EcoLav Udas ancora una volta riesce a ritornare nel match con grinta e cuore, consapevole dell’importanza di agguantare punti.

Sul 13 a 12 per i padroni di casa, il primo arbitro vede il tocco del muro su una palla nettamente fuori dell’opposto barese: una decisione che scatena le proteste della squadra cerignolana, in particolare del regista Calcabrini, che riceve un cartellino rosso. Dal possibile pareggio, al 15 a 12: è una mazzata dal punto di vista psicologico, tanto che Lanzone e compagni perdono mordente e terminano la gara in fase calante. Una sconfitta che non pregiudica la permanenza in serie B: decisiva sarà l’ultima partita, sabato prossimo 6 maggio al Palazzetto dello Sport Nando Dileo, con Etè Saporito Cosenza.

CLASSIFICA ALLA VENTICINQUESIMA GIORNATA

New Real Volley Gioia 68; Pag Volley Taviano 61; Bcc Leverano 53; Orthogea Ostuni 51; Pallavolo Andria, M2G Solution Asem Bari 33; Olimpia Galatina 31; Raffaele Lamezia 25; Etèsaporito Cosenza 23; Udas Volley Cerignola, Giocoleria Virtus Potenza 22; Conad Lamezia 21; Volley Locorotondo Castellana 7.

CONDIVIDI