È tutto pronto per il congresso internazionale Cibus et Salus, organizzato dalla scuola secondaria di primo grado “G.Pavoncelli”, che si terrà a Cerignola, presso le Officine Fornari e Polo Museale Civico, il 10 e l’11 maggio. Una due giorni di convegni e attività che ha come obiettivo la promozione dell’agroecologia al termine di un percorso iniziato nel 2014 nell’ambito del progetto Cultivons l’Europe-Erasmus+. I lavori inizieranno il 10 maggio con il benvenuto del dirigente scolastico Vito Panebianco ed i saluti istituzionali dell’europarlamentare Elena Gentile ed il sindaco di Cerignola Franco Metta, anticipati dall’esibizione del Frenglish Chorus, recente vincitore del concorso canoro nazionale Umberto Giordano.

Ad aprire il convegno sarà Fabrice Tondeur, coordinatore del progetto e delle 7 scuole che vi aderiscono (Italia, Francia, Belgio e Spagna). A seguire: Joan Casals Missio – Ricercatore Università Polytechnique de Catalogne – con l’intervento su “Agrobiodiversità e qualità nutrizionale”; Giovanni Messina, docente di Fisiologia presso il dipartimento di medicina clinica e sperimentale presso l’Università degli Studi di Foggia con un intervento su “Stile di vita salutare: sana alimentazione ed attività motoria”; Rèmy Dorize, ricercatrice Sviluppo Sostenibile dell’Università di Lille, con l’intervento su “L’alimentazione sostenibile, dalle teoria alle azioni”. Nel pomeriggio del 10 maggio toccherà a Debieve Arnaud con “Gli alimenti che ci vogliono bene” e alla dietologa Defosse Marie Aude con “L’equilibrio alimentare”. Chiude i lavori Katya Tarantino, biologa nutrizionista, con “La diete mediterranea: ruolo nella prevenzione primaria e secondaria”.

L’indomani, l’11 maggio, a partire dalle ore 9:00, vi sarà il secondo giorno dedicato al convegno con l’intervento di Maria Aida Episcopo, direttore dell’ufficio scolastico provinciale di Foggia; Remy Dorize che parlerà di “Spreco Alimentare”; Agostino Sevi, direttore del dipartimento di Scienze Agraria, degli alimenti e dell’ambiente (docente di zootecnia speciale presso l’Università di Foggia) con un intervento su “alimenti tipici e locali: proprietà nutrizionali e biofunzionali”. A seguire gli interventi di Els Decaluwe, pediatra, “La relazione tra cibo e la salute, in termini di qualità, equilibrio e rispetto di diversi metodi di produzione agricola”; Anna Bonasia, ricercatore dell’Università degli Studi di Foggia interverrà su “Qualità e bioiversità orticola nel territorio foggiano”. Alle 12:00 vi sarà un dialogo con Christina Bowermann, chef stellato e presidente nazionali degli Ambasciatori del Gusto. Nel pomeriggio interverranno il sottosegretario all’istruzione Angela D’Onghia e il consigliere giuridico Lucrezia Stellacci. Concluderà la due giorni del congresso Cibus et Salus-L’Europa Informa il dirigente scolastico della scuola secondaria statale di primo grado “G. Pavoncelli”, Vito Panebianco.

“In questi tre anni i nostri ragazzi hanno vissuto i luoghi dei loro piccoli colleghi di Francia, Spagna e Belgio apprendendone culture e stili di vita attraverso l’Erasmus+. Il tratto che accomuna tutte le nazioni coinvolte nel progetto è l’agricoltura e il nostro convegno, a conclusione del percorso triennale, grazie alla partecipazione degli illustri relatori vuole valorizzare le esperienze, le caratteristiche e le positività del territorio. Per questo – conclude il dirigente scolastico Vito Panebianco– diamo appuntamento al 10 e 11 maggio con il convegno Cibus et Salus, aperto a tutti in quanto seria e costruttiva opportunità di confronto tra produttori, ricercatori, mondo dell’università e istituzioni”.