Gli Agenti della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cerignola, diretto dal Vice Questore Aggiunto Loreta COLASUONNO, hanno assicurato alla giustizia tre cittadine rumene, di etnia rom, domiciliate a Cerignola, responsabili del reato di tentata estorsione in concorso, violenza e minaccia, lesioni nei confronti di altrettante ragazze di nazionalità rumena che vendevano il loro corpo in via Manfredonia a Cerignola.

La breve attività d’indagine ha tratto spunto dalla denuncia presentata da due giovani donne lo scorso 18 maggio nella quale le stesse dichiaravano di esercitare l’attività di meretrici e di essere state vittima di aggressione da parte di tre donne di etnia rom che le avevano imposto il pizzo per continuare la loro attività, rivendicando il luogo dello stazionamento delle donne come di loro “proprietà”. Durante le minacce una delle tre ragazze veniva brutalmente malmenata, trascinata per i capelli e spinta a terra, dove le sbattevano, ripetutamente, la testa sul marciapiedi, tanto che per lei si rendeva necessario l’intervento del 118, allertato da alcuni passanti, i quali sanitari prestavano le prime cure alla malcapitata, trasportandola, successivamente, presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Cerignola dove i sanitari le riscontravano un trauma cranico e diverse escoriazioni, con una prognosi di otto giorni s.c..

Una volta denunciato l’accaduto, in data 23/05/2017, in accordo con gli Agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cerignola, le tre ragazze sono tornate a svolgere la loro attività, nello stesso luogo. Dopo poco dall’inizio del lavoro sono sopraggiunte nuovamente le tre donne che avevano messo in atto l’aggressione qualche giorno prima, con intenzioni ben più convincenti, in considerazione del fatto che questa volta erano tornate, armate di mazze da baseball, con una catena montata sulla parte terminale. Fortunatamente, in appostamento, vi erano i poliziotti i quali, resisi conto di quanto stava accadendo, uscivano allo scoperto e bloccavano le tre donne, riuscendo con non poca fatica prima a disarmarle. Tutte e tre le donne venivano dichiarate in stato d’arresto per il reato di tentata estorsione, violenza, minaccia e lesioni e accompagnate, dopo le formalità di rito, presso la casa circondariale di Foggia a disposizione dell’A.G. procedente.

Le arrestate sono PARALUTA Daniela Minodora classe 1998, SIMIUC Ana Maria classe 1991, GIONEA Mariana Roxana Cerashela classe 1991. Indagini sono in corso per comprendere se le tre arrestate fossero l’ultimo anello di una catena ben più lunga e complessa.

Questo slideshow richiede JavaScript.

CONDIVIDI
  • filippo

    che sort d buccnror

    • Enzo

      E’ ASSURDO ! Addirittura le prostitute che non pagano le tasse, sporcano il luogo dove sostano, accendendo la legna e copertoni e di conseguenza inquinando, inoltre “danno spettacolo” apertamente d’avanti a donne e bambini, fregandosene di tutti. – SI PERMETTONO IL LUSSO DI DENUNCIARE l’aggressione delle loro connazionali, e come se il “posto di lavoro” fosse di loro proprietà !
      Già le poche forze dell’ordine sono impegnate per FATTI+SERI in questa Città !
      E poi addirittura “un appostamento” che comporta la perdita di molto tempo e denaro della collettività !
      MA . . . NON HO PAROLE !

      • perplesso

        secondo te la polizia non doveva intervenire ?

      • Che schifo

        Tu sei folle. Cerignola e lo Stato in generale vanno a rotoli x la gente come te. Si tratta di essere umani. Stiamo parlando di donne, che non si sa x quale ragione siano finite su strada. Non conosci la storia di queste ragazze e ognuna è a se. E ti assicuro che per il 95% ci finiscono non per loro volontá bensí a causa di uomini come te! “Come mai avete salvato una donna che quel giorno avrebbe potuto lasciarci la pelle? Che ce ne frega, é una che accende il gommone!” Dove sta scritto che non può denunciare? Devono chiedere il permesso a qualcuno? Vergognati. Mi vergogno x questa città… e per questo giornale che permette a chiunque si scrivere. I commenti andrebbero prima validati. Ogni volta è uno schifo. Non si può leggere una notizia in santa pace e devi stare a sentire la str…ta dell’ignorante di turno.

  • lupan

    ma nn pagavano una tassa al comune.??scusate ma nn le a messe il comune x fare cassa il sindaco se le cresce o no!!!

  • Enzo

    Infatti Lei ha ragione, quando parla di storia di queste ragazze. Che vengono obbligate a essere SCHIAVIZZATE, subendo VIOLENZE e facendo solo ARRICCHIRE ILLEGALMENTE I loro SFRUTTATORI SENZA SCRUPOLI ! portando il ricavato all’estero . Senza avere rispetto di quelle “ragazze” che a volte, non le danno nemmeno da mangiare !