È il Garganus il vincitore del 9° campionato interregionale Us Acli: il Cerignola femminile brilla nel primo tempo grazie ad una grintosa Guercia ma non basta, inciampando nel secondo a causa del trio vincente Di Bari-Lauriola-Longo. Ottime prestazioni per il portiere Palumbo che, confermandosi nuovamente come rivelazione di questo torneo, riesce nell’intento di bloccare quasi ogni attacco delle ofantine. Per l’ultima di campionato, mister Sciscio ha schierato: Pugliese in porta, Dantone e Frisani sulle fasce, Dilucia in difesa e Guercia in attacco. Per le atlete di mister Di Marzio: Palumbo, Di Bari, Lauriola, Longo e Palumbo G..

Grande ingresso in campo per il Cerignola: Guercia sfiora immediatamente la rete, Frisani centra il palo interno ma la palla non entra in porta e il duo Dilucia e Dantone viene murato dalla Palumbo. Con il possesso palla prettamente gialloblu, lo spettro della precedente partita di coppa Italia inizia nuovamente ad aleggiare: Dantone frantuma il legno montanaro, seguita a ruota dalla collega Frisani; Totaro e Di Bari aprono le danze ai primi falli secondo l’indole agonistica del Garganus. Dopo l’ennesimo palo cerignolano, il tecnico Di Marzio chiama timeout: quando mancano cinque minuti alla conclusione del primo tempo, Guercia crea la giusta magia. Su assist di Dilucia, il bomber da più di settanta goal in stagione spiazza la Palumbo con un fendente da centrocampo.

La storia del match sembra cambiare nella ripresa: il Garganus si rigenera e mentre la Dantone si contraddistingue in campo, Longo dalla lunghissima distanza impressiona il pubblico con un tiro rasoterra che mette a tacere la Pugliese. Subìto il pareggio, le ofantine sembrano motivarsi ma senza risultati: Frisani colpisce un altro montante come se le porte fossero stregate; a seguire, Dantone e Guercia vengono ripetutamente fermate dalle parate di Palumbo. Tra suspense e cori allegri, la ruota della fortuna non sembra sbloccarsi per le giocatrici di Mister Sciscio: quando Di Bari irrompe nella porta di Pugliese e completa la rimonta, le speranze iniziano a vacillare. La sfida si conclude 3-1 per il Garganus, dopo l’astuzia di Lauriola che insacca dopo l’uscita anticipata della Pugliese. La formazione di Monte Sant’Angelo si conferma la bestia nera per il Cerignola: dopo la coppa Italia, arriva il secondo traguardo stagionale. Le gialloblu imprecano contro la sfortuna ed i numerosi pali contati in entrambi i tempi: nonostante tutto, le ragazze di Sciscio escono a testa altissima malgrado il risultato avverso.

Questo slideshow richiede JavaScript.