La Tecnomaster.biz Pallavolo Cerignola trionfa al Pala “Dileo” e conquista l’ingresso in B2. Nonostante un temperamento coriaceo della Edilcostruzioni Spongano, le padrone di casa barcollano nel secondo e terzo set, ma conquistano l’ambizioso bottino al tie break. Una vittoria prestigiosa arrivata grazie ad una eccellente Rubino in difesa e agli attacchi a ruota di Giancane, Bellapianta e Albanese. Per l’ultima partita della stagione, mister Valentino ha schierato: Romano, Bellapianta, Albanese, Gagliardi, Giancane, Tortora e Rubino nel ruolo di libero. Per le avversarie: Greco, Neide Pereira, O’Brien, Marti, Perrigno, Grassi e Zacheo.

Inizio travagliato per la Tecnomaster.biz: Bellapianta esordisce con un attacco out, Greco dona allo Spongano due punti, Albanese schiaccia il diagonale perfetto e Giancane sbaglia dalla battuta. Distanze molto corte fra le due contendenti, le “pantere” ingranano la marcia grazie ad una precisa Albanese in prima linea: ofantine con due lunghezze di margine dalle avversarie, lo Spongano riprende a spingere con i mani out di Marti e di Neide Pereira. Sul 20-20, le squadre iniziano a battagliare a suon di bordate: mentre Bellapianta spicca con il pallonetto del 23-22, O’Brien risponde riportando le compagne al pareggio. Comincia una serie interminabile ai vantaggi: dopo l’infrazione fischiata alla palleggiatrice ospite, la Pallavolo Cerignola si aggiudica il set per 33-31, dopo il tocco vincente di Gagliardi e il diagonale di Bellapianta.
Parte in maniera tirata il secondo parziale: Romano fa ace, Greco mette dentro due saette consecutive e il pallonetto di Tortora vale il 5-5. Lo Spongano si avvale di una Greco in grande spolvero: sul 7-11, Bellapianta non arranca ed evidenzia la sua classe in prima linea, mettendo a segno diverse realizzazioni. Le fucsia rimontano e passano avanti, con i propri tifosi a riscaldare le mani e le voci con l’urlo «Noi vogliamo questa vittoria». Le salentine non si danno per vinte e, quando ormai il doppio vantaggio per le cerignolane sembrava cosa fatta, il servizio errato di Albanese ed il muro imposto sulla Bellapianta caricano una pericolosa Greco, che conclude il set per 24-26 mediante un attacco ben riuscito.
La Tecnomaster.biz appare scossa, ma la sfida è davvero aperta: Giancane mura Greco in più di un’occasione, Tortora firma un lungolinea vincente e Bellapianta va a segno in diagonale. La Edilcostruzioni Spongano spicca nuovamente il volo con la bordata di O’Brien e il diagonale di Pereira; le ofantine si agitano (rosso a Bellapianta), a causa di una condotta non proprio magistrale della coppia arbitrale in alcune decisioni. Il tabellone parla sempre a favore delle ospiti, le padrone di casa restano a contatto ma sono tenute a distanza dalla solita Greco, autrice dei tre punti che portano le leccesi avanti (22-25).
Con gli animi sempre più accesi ed uno Spongano che si dimostra nuovamente un valido ostacolo, il sestetto di Valentino torna a crescere col passare degli scambi nel quarto set. Gagliardi si serve di Bellapianta e Tortora in avanti, mentre Rubino comincia ad esaltarsi in retroguardia. Con la consapevolezza di dover portare a casa il parziale, la Pallavolo Cerignola insiste: primo tempo di Giancane, Albanese brucia le mani al muro avversario in due differenti azioni e Romano piazza un servizio diretto (13-13). Le ospiti cominciano ad accusare la fatica, le locali prendono il largo nella parte conclusiva: la fallosità delle alzatrici della Edilcostruzioni è sottolineata dalle chiamate arbitrali, poi Albanese, Bellapianta ed il tocco magico di Gagliardi concludono sul 25-21.
Tutta la stagione si gioca al tie break: nonostante una buona partenza salentina (1-4), poi la Tecnomaster.biz esplode: Giancane in fast, Albanese blocca Greco, Tortora mette giù il pari 4 e Bellapianta si porta avanti con un ace. E’ 8-6 al cambio di campo, ma le fucsia controllano più o meno agevolmente: la grinta di Albanese a muro e da posto 4, la carica del duo Giancane-Bellapianta regala il 15-13 alla Pallavolo Cerignola, che può quindi liberare tutta la sua gioia per la seconda promozione in altrettante stagioni. Per la giovanissima società fucsia, in appena tre anni si è concretizzato l’approdo in un campionato nazionale.
  • Roberto

    “…a causa di una condotta non proprio magistrale della coppia arbitrale in alcune…”, tranquilli ci hanno pensato i supporter a “sistemare” gli arbitri.