Chiodi a tre punte per seminare le forze dell’ordine in caso di inseguimento, passamontagna ricetrasmittenti e cellulari dedicati. Una vera e propria banda organizzata quella smascherata dalla Polizia a Foggia dopo un assalto a un bancomat. Proseguono le indagini e ricerche della Polizia per dare un nome ed un volto agli altri due componenti della «banda dei bancomat» che nella notte su sabato aveva messo a segno un colpo dal bottino ingente – poco più di 45mila euro – nella filiale della banca «Credem» di Casalvecchio di Puglia, ma per poi vedere andare in fumo soldi e libertà in seguito all’intervento dei poliziotti con i quali ha ingaggiato un conflitto a fuoco.

Oggi la Questura di Foggia ha reso noto i generalità dei 4 arrestati, bloccati nelle campagne di Tavernola: si tratta di Giuseppe De Feudis, 32 anni e Alessandro Vincenzo Dellerba, 31, entrambi di San Giovanni Rotondo; Luigi Consalvo, 51 anni, foggiano, e Giuseppe Biancolillo, 29 anni di Cerignola.

L’assalto al bancomat è stato messo a segno alle 3 di notte, usando un furgone rubato (e abbandonato sul posto) a mo’ di ariete per sfondare una vetrata della banca e svaligiare il bancomat. Non è noto al momento come la squadra mobile poco dopo sia riuscita ad intercettare la banda che sarebbe composta da sei persone che viaggiavano a bordo di un paio d’auto, pure recuperate e sequestrate dai poliziotti. Sono stati momenti concitati quelli della cattura contrassegnati anche da un conflitto a fuoco tra gli agenti e i due uomini che sono riuscire a fuggire a piedi, dileguandosi nelle campagne con il favore della notte. (tratto da lagazzettadelmezzogiorno.it)

Questo slideshow richiede JavaScript.

CONDIVIDI
  • carmela

    colpa di sta crisi maledetta

  • Carmela

    Sta la crisi e’ da dire però, questi sono bravi ragazzi che se ci dai 2500 euro al mese non vanno a rubare.

    • caustico

      Facciamo cifra tonda…3000 euro dai!!!

  • Giusy

    Avete confuso Dell’erba con Defeudis nella foto segnaletica .

  • lillo

    Biancoleee””.
    t’anna fe u buoc .

    • STEFANO

      A SORD CIANA ROMP U COL CRNO

      • lillo

        E puor a t Stefanocc.
        T l’anna aprell u buoc.
        addo vu sce’ . ahah !

        • Cx

          Dai adito a quella bocca solo perché puoi nasconderti dietro ad un nome falso. Magari se avessi avuto il coraggio di mostrare il tuo nome non avresti partecipato nemmeno da lontano a questa discussione, perché uomini come te vivono di bassezze come questi tuoi commenti. Concludo dicendoti che chi augura il male agli altri,il suo è dietro la porta. Buona giornata lillo.

          • lillo

            hai ragione CX .Meglio essere come te che difende chi va in giro a far saltare i bancomat .Voglio essere come te da grande. Per un mondo migliore.

          • Cx

            Dietro questi ragazzi ci sono delle famiglie e delle mamme,abbi il rispetto di non offendere. Io nn difendo nessuno perché il mio pensiero sul reato commesso o no lo tengo per me o lo commento a casa mia,fidati caro, io sono per la giustizia tanto quanto te se nn di più!! MA è squallido augurare il male o deridere con commenti pubblici dei ragazzi che stanno già pagano e sarà la guiatuzia stessa a giudicarli e no tu!! Ci sono delle mamme ormai social che leggono le offese che tu porgi, non crederti che il loro dolore sia per loro semplice sopportarlo. Se fossi una persona intelligente avresti avuto la delicatezza di arrivare a questo lecito pensiero. Ti saluto.

          • lillo

            Non ho nessun rispetto per chi provoca il male altrui.
            Il tuo pensiero forse hai paura ad esprimerlo.
            Tanti in questo paese hanno subito dolori a causa di questo tipo di gente.Non so tu in che mondo vivi.
            La giustizia si sa non funziona.
            Non mi interessa essere intelligente quanto te.
            Per un mondo migliore .Buonanott

  • ANTONELLA

    EPPURE SONO TUTTI DI OTTIME FAMIGLIE.FACEVANO I CHIRICHETTI DA PICCOLI AL CONVENTO

  • ANTONIO

    GIUSE E MO CHI MI DA I GETTONI DEL BILIARDINO?

  • anonimo

    Bella studio fatt e marino e Santangelo godono portate i soldi allavvocato