«Dopo due furti subiti quello che è accaduto sabato scorso è l’ennesimo attacco alla cultura e alla solidarietà». Così Andrea Gisoldi, presidente dell’associazione LiberaMente, promotrice tra le altre cose del Premio letterario nazionale “Nicola Zingarelli”, commenta l’ennesimo atto vandalico ai danni della alla “Biblioteca per tutti”, il centro culturale per non vedenti messo su dall’associazione a Cerignola. Oltre all’associazione LiberaMente nel Palazzo del Volontariato, laddove sono avvenuti i fatti, sono state colpite altre 14 stanze, tutte in comodato ad associazioni.

A farne le spese gli strumenti didattici acquistati e acquisiti dall’associazione in dieci anni a sostegno della lettura per i non vedenti. Un polo – la biblioteca – con il preciso compito di avvicinare al mondo della letteratura e della cultura in generale anche i bambini non vedenti. «Con questo ennesimo atto – dice il responsabile del circolo di Cerignola, Antonio Daddario – ci ritroviamo ad iniziare nuovamente da zero. Un atto di gravità inaudita, poiché danneggiando la nostra biblioteca, hanno di fatto sottratto ai non vedenti, soprattutto ai più piccoli, un luogo importante di aggregazione e cultura».

«Ci attiveremo per riprendere quanto prima e anche con più grinta le attività della Biblioteca per Tutti – conclude Gisoldi -. Nessun atto vandalico farà scemare la nostra dedizione al sociale. Stiamo già immaginando una giornata di beneficenza, assieme a personaggi dello spettacolo, per raccogliere fondi e rimettere in piedi il punto culturale cerignolano. Sono fiducioso nelle solidarietà di quella Cerignola che condanna e denuncia atti simili e nello stesso tempo con Daddarioabbiamo esortato le forze dell’ordine a fare luce su quanto accaduto».

  • Simone

    Purtroppo chi ha fatto questo scempio sono dei disadattati ignoranti e forse analfabeti gelosi che persone seppur non vedenti riescano a fare ciò che loro non possono perché privi dell’educazione alla sapienza