Con una lettera Monsignor Renna plaude al voto unanime del consiglio comunale per costruire in deroga un centro di integrazione per immigrati in località Tre Titoli. Un gesto per il quale Renna esprime tutta la sua gratitudine nonostante quale strascico di polemica in seno al consiglio. Di seguito la lettera intergale

La notizia che il Consiglio Comunale, nella sua unanimità – per la quale esprimo la mia sincera gratitudine al Sindaco e ai Consiglieri tutti – ha approvato la delibera che permette di costruire il Centro di integrazione per immigrati “Santa Giuseppina Bakhita”, su un piccolo appezzamento di terreno in località Tre Titoli, non può che riempire di gioia non solo me e i tanti che hanno voluto questo progetto, che hanno donato le loro energie e dato il loro contributo, ma rallegra soprattutto le persone – 300 circa – che abitano quella zona, lavorano, vivono nella precarietà igienica e purtroppo vengono sfruttate.

Sono i “negr”, come li chiama qualcuno senza andare al di là del colore della pelle, senza mai fissare negli occhi questi figli di Dio, quando magari da loro si comprano delle scarpe con pochi euro, si sfrutta il loro corpo, li si rende schiavi nel lavoro nero… Sono come tanti nostri padri e nonni che, con le valigie di cartone, andarono a lavorare in Germania, a Torino e a Milano, rinunciando al calore familiare dei loro affetti. Sono migranti come loro… Sono persone che hanno gli stessi diritti dei braccianti, quelli per cui Giuseppe Di Vittorio lottò. Oggi Di Vittorio e il nostro don Antonio Palladino si sarebbero battuti anche per i migranti dei nostri ghetti extraurbani, perché i diritti non hanno colore. Lo avrebbero fatto senza urlare, con fermezza e ostinazione, finché non sarebbero stati ascoltati.

Cosa si costruirà a Tre Titoli? Chi legge i giornali, chi segue la vita della Chiesa a cui appartiene, sa che sarà un centro costituito da una tettoia, due sale, un piccolo ambulatorio medico, acqua corrente, un luogo che permetterà a questi nostri fratelli e sorelle di incontrarsi per pregare – come fanno da anni ogni mercoledì – per parlare, per essere ascoltati e curati. Si costruirà con i fondi raccolti nelle nostre parrocchie durante l’Anno Santo della Misericordia e con quelli dell’Otto per Mille – per il Centro “Santa Giuseppina” messi a disposizione con intervento straordinario dalla Conferenza Episcopale Italiana – gli stessi che permettono alla mensa di Piano delle Fosse di distribuire pasti ogni giorno ai poveri; di far funzionare, da oltre vent’anni, il Centro Sociale “Ven. Antonio Palladino” in collaborazione con le Amministrazioni Comunali susseguitesi in questo periodo; il Centro di Ascolto “San Martino” e l’Osservatorio diocesano delle povertà e delle risorse; nonché tutte le Caritas parrocchiali della Città che permettono, fra i tanti servizi offerti, anche di fare la spesa alle famiglie che non ce la fanno e di pagare qualche bolletta. Senza scriverlo sui giornali, perché la legge della Chiesa è il Vangelo che afferma: “Non sappia la tua destra quello che fa la sinistra” (Mt6,3)!

E se a Cerignola dobbiamo essere insultati perché cerchiamo di mettere in pratica il Vangelo, ben venga. Conosco e prego per i sacerdoti, le suore, i volontari che silenziosamente edificano la storia di carità della nostra Città. Non importa che si sappia o meno: lo sanno i poveri che non esporrò certo sui giornali, e che hanno pudore a chiedere…

Coraggio, cari Cerignolani, siate degni della vostra tradizione di popolo di lavoratori, di popolo che ama e difende i diritti, di gente che sa la durezza dell’emigrazione,  che ama il Vangelo di quel Bambino che la Madonna  di Ripalta annuncia e incarna.  Quando vedrete il Centro “Santa Giuseppina” capirete. Ma abbiate anche occhi per vedere la carità e il bene che si fa quotidianamente, negli oratori che in questi giorni strappano i bambini alla strada, nei centri sociali, nelle associazioni ecclesiali e laiche che aiutano centinaia di persone.

  • frettolosi nel giudizio

    Gentile mons. vescovo, sarò breve e conciso. I Cerignolani non sono gente facile né tanto meno sempre pronti a recepire i messaggi di democrazia e civiltà. Il background culturale della maggioranza dei cittadini, benché sfoggi ricchezza e buon tenore di vita, è spesso vacillante e sdrucciolevole, proprio perché si è smarrita da alcune generazioni quella attitudine alla accoglienza e alla solidarietà incondizionata. Quanto all’oggetto della sua lettera, i cittadini sul comune temo abbiano piuttosto inteso male le ragioni vere del punto all’odg, più che altro perché un po’ forse prevenuti e forse anche perché non si è illustrata in modo chiaro, esaustivo e senza barocchismi una realtà che invece meritava molta attenzione e proprietà di linguaggi. Non si lasci però tanto trasportare dalla esteriorità dei gesti e delle parole dei politici locali, perché hanno perso praticamente tutti credibilità.

  • Mattiuccio

    Se vuole sua Eccellenza l’ Imam Vescovo potrei mandargli subito un 7-8.000 migranti, tutti maschi, tra i 18 ed i 40 anni, rigorosamente muslulmani ed in odore di jihad. Questa é accoglienza.

  • Maurizio

    Sua eccellenza voglia spendere due parole o più sulla piaga del caporalato che i cerignolani gestiscono da generazioni sulla pelle degli immigrati e dei vari polacchi che giungono qui, a differenza dei ROM per lavorare.
    Il caporalato cerignolano su cui le famiglie dei caporali hanno costruito proprietà macchiate di sangue!!
    Una ferma è durissima condanna senza mezzi termini Eccellenza magari facendo capire a questa feccia dell’umanità che chi si arricchisce sulla pelle e sangue altrui non verrà risparmiato da nostro signore!
    Oggi a Lecce è attesa la sentenza per il primo grande processo sul caporalato sue Eccellenza, non le sarà sfuggito spero…
    Il resto sono solo belle ma sterili parole sua Eccellenza!!
    Entri nel concreto!
    Si spogli del linguaggio ecclesiale!!
    Papa Francesco non le ha insegnato nulla..???