Si è svolto nella serata di ieri in piazza Cesare Battisti, il meeting organizzato dall’avv. Marco Trombetta (Forza Italia) che ha raccolto sotto il gazebo del Karma Caffè il centrodestra cerignolano. Antonio Giannatempo (Direzione Italia), Domenico Farina (Fratelli d’Italia), Antonio Grillo (Forza Italia) e Zoraide Lasalvia (Alternativa Popolare) si sono confrontati sulla necessità di ritrovare l’unità del centrodestra per la creazione di un soggetto politico credibile agli occhi degli elettori e competitivo alle urne.

«L’elettorato moderato – ha spiegato ai nostri microfoni Antonio Giannatempo – non solo a livello locale ma anche nazionale, chiede ai partiti di centrodestra di restare uniti e, quando questo succede, ci premia alle urne. Il nostro problema ‘morale’ -prosegue Giannatempo – è quello di comprendere cosa i cittadini ci chiedono; è una strada lunga e difficile che deve essere però necessariamente imboccata per uscire fuori da questo momentaccio». Ospiti della convention moderata Fabrizio Tatarella – figlio di Salvatore e membro della Fondazione “Giuseppe Tatarella” – ed il sindaco di Andria e Presidente della BAT Nicola Giorgino, considerato esempio di un centrodestra unito e virtuoso.

Quest’ultimo ai microfoni de lanotiziaweb.it ha indicato la giusta strada da intraprendere: «Solo laddove si è recuperato il valore dell’unità la coalizione di centrodestra è risultata sempre maggioritaria e vincente nel paese. Ciò è stato possibile anche grazie all’individuazione di personalità capaci di rappresentare il popolo dei moderati». Personalità di cui Giorgino ha anche tracciato l’identikit: «I punti di riferimento si creano sul campo attraverso l’autorevolezza ed una continua e costante azione politica ed amministrativa. Credo che chiunque individuerebbe in chi si spende nel raggiungimento di questi obiettivi un leader».

Anche Fabrizio Tatarella ha auspicato il ritorno di una forza moderata che possa inserirsi nel solco lasciato dall’operato di Salvatore Tatarella negli anni ’90: «Le ragioni dello stare insieme devono essere prevalenti all’interno del centrodestra cerignolano. D’altronde tutte le persone qui presenti hanno un unico comune denominatore, ossia il legame con la figura di mio padre; hanno avuto la fortuna di poter crescere amministrativamente con lui e quindi conoscono la forza della coesione». «Il mio legame con la città in cui si trova l’operato ed il sangue di mio padre è fortissimo ed ogni qual volta che il centrodestra di Cerignola lo riterrà opportuno sarò qui per onorare il suo impegno e l’affetto di questa gente nei suoi confronti» prosegue Fabrizio Tatarella, che non si sbilancia su una sua ipotetica investitura come guida del centrodestra locale: «Non sono io a doverlo stabilire. Diversi partiti mi hanno chiesto di aderire ai loro schieramenti, ma ho sempre risposto che io rimango un fautore del ‘progetto centrodestra’ avviato da mio zio (Pinuccio Tatarella n.d.r.) e che sarò sempre pronto ad offrire a Cerignola il mio piccolo contributo».

Con il meeting di ieri i moderati hanno reso definitivamente chiara l’intenzione di riformare un movimento politico unitario; una necessità inderogabile visti sia i segnali provenienti dal resto d’Italia (che vanno in questa direzione) sia l’incapacità dei partiti di costituire singolarmente una valida alternativa di governo. Un progetto che è ancora un’incognita, considerando le perplessità di Forza Italia riguardo la presenza di Alternativa Popolare e la disaffezione di gran parte degli elettori nei confronti dei moderati, ma non una “mission impossible” poiché, a differenza del quadro nazionale – dove esistono ancora divergenze piuttosto evidenti -, il centrodestra locale può contare su una certa omogeneità e sulla condivisione degli obiettivi, presupposti che possono agevolare l’elaborazione di nuove proposte e progetti per il territorio.

Questo slideshow richiede JavaScript.

  • Chiacchiere da bar

    Non sono di destra né di sinistra ma questa gente, politica di professione, che al primo dissenso chiama a raccolta le sue pecore nel suo recinto adesso parla di riaprire il recinto per il bene comune (???) di rimettere insieme i cocci….. Salvo poi aspirare (professione) ad ambire poltrone ben più importanti e redditizie cosa che periodicamente genera rotture (quindi cocci) perché l’animo umano é debole di suo e non resiste alle tentazioni. Continuate a ricrearvi al tavolo di un bar …. Sembra la canzone di Gino Paoli….. Invece che affrontare i problemi della quotidianità…… Abbiate il buon senso di non spifferarlo ai 4 venti ….. O credete che questa pubblicità occulta vi porti vantaggio?

  • Pudore

    A parte il fatto che potevate restare uniti dopo la rottura del pdl e non smarcarvi da Berlusconi e cercare di riunirvI ora che é tornato….non so come faccia Giannatempo a volere instaurare alleanze con Tatarella di FLI il partito di Fini e che ora sembra stia in Fdi che in campagna elettorale ha aiutato l attuale sindaco che é stato il suo piú grande oppositore.

  • andrea

    Insomma,secondo fabrizio,l’unità del centrodestra può essere solo tatarella-centrico?!? di nostalgia si muore lentamente.Chi vuole far bene per il proprio paese,deve cominciare a guardare avanti e affrontare le sfide,senza farsi venire pericolosi torcicollo.Anche perchè quella stagione ha lasciato le scorie che ancora oggi sono la vera causa delle divisioni.

  • Cittadino

    L’era di Giannatempo, Farina e co. è ormai teminata e fa sorridere vedere questi tentativi di guadagnare voti così ingenuamente. Avete avuto la nostra fiducia per anni per essere ora relegati ai confini della politica, ora è la stagione di Re Mida Franco Metta (meritatamente per concretezza di parole e fatti). I Tatarella purtroppo sono solo un dolce e nostalgico ricordo dei bei tempi politici che furono, la new generation manca totalmente del carisma dei compianti Pinuccio e Salvatore. Lasalvia…e chi è?

  • Adolfino

    BASTAAAAAAAA CON STO C….O DI CENTRO – DESTRA CHE NON SERVE AD UN C….O!!!!!! CI VUOLE LA DESTRA ESTREMA, SOLO COSI POTREMO SPERARE NEL FUTURO.

  • R

    A loro dire c’erano 100 persone. Io ne conto circa 20. Considerate che c’era il fratello del giornalista della rai. Se ci fossero stati solo i “politici” locali avremmo avuto 5 presenza. Politici locali per modo di dire. Devo comunque dire che questo incontro ha avuto un merito. Ha definitivamente segnato la fine del centrodestra che oggi può cercare di risorgere. A casa questi e a casa anche gli assenti. Vi aspetta un percorso lungo per ricompattarvi. Grazie a voi avremo icome prossimo sindaco qualcuno con il dna e il pensiero di una donna che per cerignola non ha detto nulla.

    • onesto

      20 PERSONE ? io ne ho contate 12 oltre i ….. relatori ……
      PATETICI !!

  • sodoma e gomorra

    eravamo quattro amici al bar, che volevano cambiare il mondo…..

  • Lino

    ma vedi tu se la destra deve essere rappresentata da questi qua che non offrono nessuna garanzia, questo è il gioco dei civici e della sinistra, che rabbia mi viene !