«Un risultato davvero importante per il rilancio e la giusta regolamentazione del commercio urbano frutto di un intenso e pregevole lavoro messo in campo dall’amministrazione comunale»: è il commento del presidente della Commissione Attività produttive del Comune di Cerignola, il consigliere Ale Frisani, in merito alla notizia dell’ottenimento di un finanziamento di circa 55mila euro per la costituzione del Distretto urbano del commercio (Duc).

«Con la creazione del Distretto urbano del commercio – aggiunge – prende forma un soggetto giuridico che può contribuire a sostenere e a ‘mettere in rete’ le iniziative utili, da un lato, a qualificare, sviluppare e consolidare il sistema commerciale quale componente essenziale e non accessorio del tessuto sociale di un’area urbana e, dall’altro, a migliorare l’intero contesto urbano per poter valorizzare al meglio il tessuto commerciale che vi è inserito e che vi opera».

L’amministrazione comunale di Cerignola, infatti, grazie al lavoro del consigliere delegato alle Attività Produttive Vincenzo Specchio,  ha scommesso sul rilancio della città attraverso un piano integrato di riqualificazione commerciale, turistica e urbana, decidendo così di attivare e costituire un Distretto urbano del commercio per potenziare la sua vocazione commerciale come strumento di buona occupazione, di attrazione di visitatori/consumatori da far immergere in un contesto vivo e in un tessuto urbano di pregio, da rendere più facilmente e comodamente fruibile.

«Il nostro obiettivo – afferma Fisani – è quello di promuovere l’aggregazione fra operatori, favorire la collaborazione con il Comune, in un’ottica di ottimizzazione delle risorse, favorire l’interrelazione fra commercio e turismo e la valorizzazione dei prodotti del territorio, migliorando la qualità degli spazi pubblici e la loro fruibilità con interventi strutturali di riqualificazione urbana».

I benefici che derivano dalla realizzazione di un Distretto urbano del commercio, infatti, sono molteplici in quanto attraverso il Duc i Comuni, le associazioni di categoria e altri soggetti economici del territorio, in piena sinergia tra loro, possono partecipare a bandi pubblici, accedere a convenzioni, condividere know how, spazi ed attrezzature, offrire ed acquistare beni e servizi a prezzi calmierati, gestire in comune determinati aspetti dell’attività commerciale rispetto a quella individuale. Ma anche favorire ed estendere la cooperazione tra gli operatori, sostenendo lo sviluppo di un’occupazione qualificata. Inoltre, la creazione di un Duc porta vantaggi economici oggettivi sia agli operatori commerciali, sia ai consumatori.

«I finanziamenti del Duc – conferma Frisani – saranno una vera e propria boccata d’ossigeno per le attività commerciali e costituiranno una opportunità straordinaria per il rilancio dell’economia nella città. Cerignola si conferma città in perfetta sintonia con le politiche regionali protese allo sviluppo delle piccole e medie imprese e del territorio», ha concluso Frisani.