Negli ultimi giorni, nel corso di vari pattugliamenti del territorio di competenza, con perquisizioni personali e domiciliari, i Carabinieri delle Stazioni e del Nucleo Operativo, coordinati dal Comando Compagnia di Cerignola, hanno tratto in arresto sette persone, di cui tre a Cerignola.

In particolare, i militari dell’Aliquota Radiomobile del NORM hanno tratto in arresto SFORZA SAVINO, cl. ’70, pregiudicato cerignolano. Lo stesso, ristretto agli arresti domiciliari, nel corso dei controlli ai soggetti sottoposti ad obblighi è stato sorpreso all’esterno della propria abitazione. Su disposizione del P.M. di turno Sforza è stato associato presso la Casa Circondariale di Foggia.

Sempre i militari dell’Aliquota Radiomobile, poi, hanno arrestato anche NEACSU PUICA COSTANTIN, cl. ’73, di origine rumene, latitante sul territorio nazionale. L’uomo, che a seguito di un furto commesso a Roma era stato sottoposto alla misura dell’obbligo di presentazione alla P.G. presso una Stazione Carabinieri della capitale, da circa due mesi se ne era arbitrariamente allontanato senza dare alcuna comunicazione, violando così le prescrizioni impostegli. Il Tribunale di Roma, quindi, ha aggravato la misura con quella della custodia in carcere, rimasta ineseguita a causa della irreperibilità del malfattore, che, proprio nei giorni scorsi, è stato controllato a Cerignola e dichiarato in stato di arresto. L’uomo è quindi stato condotto alla Casa Circondariale di Foggia.

Eseguita una misura cautelare in carcere anche nei confronti di LAVIOLA COSIMO, cl. ’80. L’uomo, arrestato nei giorni scorsi per evasione, è stato prelevato dai Carabinieri della Stazione di Cerignola e ristretto presso il Carcere di Foggia in esecuzione di una misura cautelare emessa dal Tribunale di Sorveglianza di Bari, che ha aggravato la misura a cui l’uomo era già sottoposto a causa delle continue violazioni delle prescrizioni impostegli.

Questo slideshow richiede JavaScript.

CONDIVIDI