Messo da parte l’intermezzo della coppa Italia, l’Audace Cerignola si rituffa nel campionato di serie D: domani c’è la stuzzicante sfida interna contro la Cavese, fra i piatti forti della sesta giornata del girone H. Gli ofantini arrivano all’impegno forti del secondo posto in classifica a due lunghezze dal Potenza capolista e non hanno assolutamente intenzione di perdere terreno, in vista dello scontro diretto con i lucani previsto per la prossima settimana. Nel precedente turno, i ragazzi di Francesco Farina hanno battuto nel derby in trasferta il Manfredonia: indubbiamente il primo tempo è stato abbastanza sofferto malgrado il gol realizzato dopo appena cinque minuti, ma nella ripresa (pareggio sipontino a parte) l’Audace ha legittimato con possesso palla ed occasioni il successo. In un torneo complicato come la serie D, a volte è sicuramente apprezzabile mettere fieno in cascina e capitalizzare le occasioni che si presentano, un validissimo e concreto elemento da opporre ai puri esteti del gioco. E’ necessaria la giusta miscela fra pragmatismo e bellezza della manovra, in un cammino lungo trentaquattro tappe prevale chi ha più regolarità e chi riesce a spuntarla anche senza splendere. In settimana poi, è arrivato il passaggio ai sedicesimi di finale di coppa Italia: la sfida positiva col Campobasso ha portato utilissimi riscontri al tecnico casertano, che può contare su una ampia gamma di scelte da utilizzare al momento più opportuno. Dopo il corposo turnover di mercoledì, la formazione da schierare dovrebbe tornare quella tipo: in particolare Vicedomini è al momento inamovibile dati il suo stato di forma, probabile la conferma degli undici partiti a Manfredonia. Sarà un difficile esame, perché anche la Cavese è in crescita ed ha una rosa molto attrezzata per ambire alle posizioni che contano.

La compagine guidata da Dino Bitetto infatti, eccetto il ko interno ad opera del Potenza all’esordio, ha inanellato 10 punti in quattro giornate (un pareggio e tre affermazioni consecutive); domenica scorsa ha superato nettamente la Sarnese con una tripletta di Martiniello e arriverà sul Tavoliere col chiaro proposito di cercare il colpaccio. L’organico a disposizione dell’allenatore barese è composto da numerosi calciatori che vantano trascorsi molto importanti: dagli ex Foggia Marruocco e D’Alterio al difensore Gorzegno, al centrocampista Manzo, agli attaccanti De Angelis -lo scorso anno alla Virtus Francavilla ed al Melfi-, Girardi, Oggiano, Tripoli. Di recente è stato tesserato anche Favasuli, centrocampista centrale dai piedi buoni, con alle spalle quindici campionati consecutivi professionistici. In sintesi, tanta esperienza ed uomini navigati, per una società che magari è partita a fari spenti ma che vuole ritagliarsi un ruolo da protagonista.

L’ultimo precedente fra le due squadre risale alla semifinale nazionale playoff di Eccellenza, nell’annata 2011/2012: la gara terminò 2-1 dopo i supplementari, poi i metelliani (allora col nome Città de la Cava) prevalsero ai rigori, ottenendo il pass per la finale. Calcio d’inizio alle ore 16, con la direzione di gara affidata al sig.Zuffada, della sezione di Sulmona.

CONDIVIDI