Negli ultimi giorni le Compagnie Carabinieri di Cerignola, San Severo e Lucera, sotto il coordinamento del Comando Provinciale di Foggia, hanno effettuato una serie di servizi straordinari di controllo del territorio, con posti di controllo, perquisizioni e ispezioni, che hanno portato a numerosi arresti e denunce in stato di libertà.

L’area cerignolana continua a confermarsi capitale della ricettazione e del riciclaggio di auto e pezzi di auto di provenienza delittuosa. I Carabinieri della Stazione di Cerignola hanno tratto in arresto 2 persone.

In particolare, i militari della Stazione di Cerignola, a seguito di un servizio di appostamento protrattosi senza soluzione di continuità per quasi due giorni, hanno tratto in arresto INTELLICATO GIUSEPPE, cl. ’94, e CORTESE SAVINO, cl. ’77, entrambi pregiudicati cerignolani, quest’ultimo anche sorvegliato speciale di P.S. con obbligo di soggiorno nel comune di Cerignola. I due pregiudicati sono stati colti nel momento in cui iniziavano a smontare due auto rubate nel barese, una Peugeot 208 rubata a Palo del Colle e una Renault Scenic rubata a Casamassima. Nello stesso luogo i militari hanno anche rinvenuto due motori di una Skoda Octavia e di una Ford Fiesta, rubate il giorno prima rispettivamente a Bitonto e Molfetta. Entrambi gli arrestati, su disposizione del P.M. di turno, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Foggia.

Altre misure sono state poi emesse nelle città di San Severo, Lucera, Trinitapoli e Strornarella.

Nel corso dei servizi coordinati, complessivamente, sono quindi state identificate 293 persone, controllati 175 veicoli, 8 dei quali sono stati sequestrati per la mancanza della copertura assicurativa, e sono state elevate 35 contravvenzioni per guida senza la cintura di sicurezza o il casco protettivo, o anche al telefono. L’attività contravvenzionale, si specifica, vissuta dai più come pratica odiosa, viene perseguita al solo fine di cercare di inculcare anche nei più refrattari non solo almeno un minimo di rispetto per la legalità, ma soprattutto la coscienza dell’importanza della propria e altrui sicurezza sulle strade.

Le attività appena descritte rientrano, quindi, nella più ampia programmazione operativa del Comando Provinciale dei Carabinieri di Foggia, che nei 50 giorni che vanno dal 10 agosto al 30 settembre scorsi, anche grazie ai sostanziosi e qualificati rinforzi assegnati, ha già portato, con riguardo esclusivamente agli ambienti e ai soggetti riconducibili alla criminalità organizzata, a 39 operazioni di servizio, nel corso delle quali sono state arrestate in flagranza di reato o in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare 216 persone, e altre 394 denunciate in stato di libertà, con il sequestro di 16 fucili, 14 pistole, ben oltre mille munizioni e alcuni ordigni esplosivi.