Voltata definitivamente pagina dopo la sconfitta di Potenza grazie al successo interno con la Turris, l’Audace Cerignola sfiderà in trasferta l’Aversa Normanna, per la nona giornata del girone H di serie D. Tornati immediatamente ai tre punti, gli ofantini hanno l’intenzione di infilare una nuova serie di risultati utili, magari un filotto di vittorie, per mettere pressione alla capolista Potenza, da cui sono già state ridotte le distanze incrementatesi a seguito dello scontro diretto. L’esordio del nuovo tecnico Feola è stato positivo, specie nel secondo tempo, quando la squadra ha cinto d’assedio la metà campo avversaria completando la rimonta avviata da Montaldi sul finire del primo tempo. Anche nella prima frazione però il Cerignola non aveva demeritato, trovatosi sotto a causa di un eurogol e di una leggerezza difensiva, si è trovata la forza per reagire immediatamente ed il resto è storia. Ovviamente, Feola in soli quattro allenamenti non aveva la bacchetta magica, qualcosa in più e di più marcato sul suo modo di intendere calcio lo si vedrà domani, con una intera settimana a disposizione. Un grosso contributo è stato offerto dai tre cerignolani impiegati nella ripresa: Vito Morra, Sante Russo e Carmine Marinaro, in rigoroso ordine di apparizione nel match, hanno dato la scossa necessaria per venire a capo di una situazione complicata ma non impossibile, poi la spinta del “Monterisi” ha fatto il resto. Da più parti si invoca un più sostanzioso utilizzo dei tre, ma la scelta spetta solo a Feola ed alle sue valutazioni e in ogni caso il mister è ben contento di contare su una abbondanza tangibile nelle scelte. Sulla formazione iniziale nessuno si sbilancia: si va verso la conferma di chi è partito con la Turris, anche se potrebbe esserci qualche lieve variazione, ma dipenderà dalla rifinitura.

Attenzione però all’Aversa Normanna: la scorsa domenica è stata capace di fermare sul proprio terreno il Potenza sullo 0-0, costringendolo a tenere le polveri bagnate e non è cosa da poco. I casertani hanno 5 punti in classifica frutto di cinque pareggi e tre sconfitte, mai una vittoria finora per il team guidato da Antonio Marasco (espulso con i lucani, non sarà in panchina domani). In casa però, l’Aversa è sempre andato a punto, beneficiando di un manto erboso sicuramente non al meglio che non favorisce di certo le compagini più dotate tecnicamente. Così come nello scorso turno con la Turris, anche i granata sono improntati alla “linea verde”, con un nugolo di giovani di belle speranze affiancati da senatori come il centrocampista Corsale, l’attaccante Varriale e il difensore Pezzella. Quest’ultimo però, mancherà per squalifica, fermato dal giudice sportivo per tre giornate.

Non ci sono precedenti storici fra le due squadre: calcio d’inizio allo stadio “Augusto Bisceglia” alle ore 14.30, con la direzione arbitrale affidata al sig.Giordano, della sezione di Novara.

CONDIVIDI