Seconda vittoria consecutiva della gestione Feola: l’Audace Cerignola batte in trasferta 1-2 l’Aversa Normanna. Risultato giusto, con gli ofantini che hanno avuto come unica pecca non aver chiuso prima la contesa, sprecando diverse opportunità. Una sola variazione rispetto all’undici di partenza contro la Turris: Dascoli rileva Adamo nei tre che supportano Gambino in attacco. Marasco (squalificato e non in panchina) schiera i suoi con un 4-4-2, tandem offensivo Varriale-Ritieni. Parte bene l’Audace: al 4′ una punizione di Benvenga è deviata in angolo dalla barriera, poi al 7′ si sblocca il parziale. Corner di Vicedomini, Longo non ci arriva e la sfera resta nella disponibilità di Gambino, che in area piccola trafigge Maiellaro. L’Aversa replica con una conclusione di Giordano respinta in corner, dall’altra parte Luca Russo crossa, Montaldi addomestica per la volee alta di Iannini. Il pareggio dei locali al 21′: da una rimessa laterale sulla sinistra, Ritieni prolunga per Varriale che realizza, cogliendo di sorpresa la retroguardia ospite. I gialloblu reagiscono d’impeto: Di Prisco per poco non fa autogol su centro di Iannini (salva Maiellaro), poco dopo Benvenga di testa e sembra fatta, ma un difensore sulla traiettoria e a pochi passi dalla rete sventa. Abagnale è reattivo nello smanacciare in corner un calcio da fermo di Gaetano deviato dalla barriera per il break dei campani. Al 37′, guizzo in velocità di Longo che anticipa Di Prisco: il centrale granata lo stende e l’arbitro decreta il rigore. Il bomber napoletano dal dischetto spiazza il portiere, per il nuovo vantaggio cerignolano, con cui si va al riposo.

Secondo tempo davvero vibrante: Maiellaro c’è sulla botta decentrata di Longo, tiro cross appena alto sulla traversa di Ritieni. A seguire, Ciano è provvidenziale nell’opporsi al tentativo al volo di Varriale. Al minuto 57 ottima giocata di Longo: stop a seguire di destro e sinistro immediato che si spegne sull’esterno della rete; Iannini di prima intenzione fuori misura, Dascoli di spalla per poco non beffa Maiellaro. Sembra sia il tempo maturo per il tris: Gambino col sinistro a giro impegna il numero uno casertano, eppure l’Aversa non si perde d’animo. Punizione battuta dal neoentrato De Filippo, Abagnale sventa su un avversario, poi Ciano sulla linea ferma il tap in di Varriale, con i padroni di casa a protestare perché a loro dire la sfera aveva varcato la linea di porta. I capovolgimenti di fronte sono continui, Gambino pizzica l’incrocio dei pali su punizione al 73′, poco più tardi le prime mosse di Feola con gli ingressi di Morra e Portaccio in luogo di Gambino e Dascoli. Le squadre sono allungatissime sul terreno di gioco, in campo anche Sante Russo che si allunga troppo il pallone e vanifica un contropiede assai invitante per troncare le speranze dell’Aversa. Il forcing finale dei normanni produce solo il blando destro di Guillari controllato da Abagnale, al triplice fischio la motivata gioia dei gialloblu che espugnano il campo sul quale il Potenza ha portato via sette giorni fa un solo punto.

Comincia a vedersi la mano di Feola, manovra sviluppata in ampiezza e rapido scambi fra le linee: oggi un Montaldi strepitoso ha esibito tutta la sua esperienza nel difendere e portare a spasso la palla nei momenti più opportuni. Mercoledì si torna in campo per il primo turno infrasettimanale: al “Monterisi” arriverà il Team Altamura, nel gruppetto delle terze in classifica.

Aversa Normanna: Maiellaro, Sozio, Nicolao, Moretta, Gala, Di Prisco (86′ Guillari), Giordano, Castaldi (55′ Marzano), Varriale, Gaetano (62′ Ba), Ritieni (61′ De Filippo). A disposizione: Granata, Cozzolino, Corsale, Palumbo, De Muto. Allenatore: Antonio Marasco (squalificato).

Audace Cerignola: Abagnale, Dellino, Benvenga, Ciano, Russo L., Iannini, Vicedomini (86′ Pollidori), Dascoli (77′ Portaccio), Longo (83′ Russo S.), Montaldi, Gambino (76′ Morra). A disposizione: Maraolo, Cappellari, Ngom, Marinaro C., Di Cillo. Allenatore: Vincenzo Feola.

Reti: 7′ Gambino, 21′ Varriale (AV), 38′ Longo (rig.).

Ammoniti: Gala, Castaldi, Guillari (AV); Iannini, Dascoli, Pollidori (AC).

Angoli: 3-5. Fuorigioco: 2-2. Recuperi: 1′ pt, 5′ st.

Arbitro: Giordano (Novara). Assistenti: Abatantuono-Ciuca (Firenze).