Nei giorni scorsi i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile del NORM di Cerignola hanno tratto in arresto RENNA FRANCESCO, cl. ’80, pluripregiudicato cerignolano, per rapina impropria e resistenza a Pubblico Ufficiale.

I militari, in servizio di pattugliamento lungo la SS 16, avevano intimato l’alt al conducente di una Nissan Qashqai, tra le auto più rubate in zona, che procedeva a forte velocità. L’autista, invece di fermarsi, si era però dato ad una pericolosa fuga a folle velocità, prima lungo la strada statale e poi per le circostanti stradine di campagna, dove poi aveva abbandonato l’auto per proseguire la fuga a piedi. Inseguito dai militari, dopo svariate centinaia di metri è però stato definitivamente bloccato, non senza, però, rinunciare ad ingaggiare una violenta colluttazione con gli inseguitori, nell’estremo tentativo di riprendere la fuga.

Da accertamenti eseguiti nell’immediatezza i militari hanno constatato che l’auto era stata appena rubata nel parcheggio dell’ospedale di Barletta, e che da lì a poco il mezzo sarebbe stato smontato per far finire i pezzi sul mercato clandestino degli autoricambi. La Nissan è invece stata restituita al proprietario, mentre il Renna è stato rinchiuso nel carcere di Foggia.

A Cerignola, invece, gli uomini della locale Stazione hanno tratto in arresto COSTANTINO MAURIZIO, cl. ’70, pregiudicato cerignolano, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Rimini. L’uomo, che dovrà scontare la pena residua di tre anni e nove mesi di reclusione per alcune rapine e furti commessi a Riccione nel 2015, una volta rintracciato è stato associato presso la casa circondariale di Foggia.