Seconda vittoria consecutiva in casa e prima da tre punti per la Dilillo Libera Virtus: nella sesta giornata del girone D del campionato di B1, sconfitta 3-0 la Planet Strano Light Pedara (25-22; 25-22; 25-15 i parziali). Incontro non eccelso dal punto di vista tecnico, per le ofantine era importante e necessario conseguire il risultato e così è stato. Coach Albanese per le padrone di casa ha schierato: Altomonte in regia e Mauriello sulla diagonale; Montenegro e Martilotti sulle bande; Modestino e Marlene Ascensao centrali, più Tribuzio libero. Il tecnico Andaloro invece ha scelto: Ricchiuti alzatrice e Carnazzo opposto; Montesi e Biscardi laterali; Albano e Monzio Compagnoni sottorete e Gueli in difesa. Pedara comincia il match affidandosi alle palle corte, due muri di Ascensao per il 5-3: nella metà campo di Cerignola si osserva un po’ di confusione ed infatti le ospiti si portano sul 6-9; errori banali in costruzione per le gialloblu che, seppur a corrente molto alternata, con Montenegro arrivano al pareggio ed al sorpasso con Mauriello (13-12). Un prolungato ed assai proficuo turno al servizio di Martilotti, unito al seguitare di punti firmati Mauriello fanno scappare via la Dilillo sul 19-12, approfittando di qualche incertezza delle avversarie. Le padrone di casa tuttavia ricambiano il favore, consentendo alla Planet Strano Light il rientro (20-17): due segnature di Montenegro non bastano, Montesi trascina le siciliane al -1 (23-22). Capitan Martilotti ed il muro di Modestino chiudono un set conquistato dalle locali con estrema fatica.

Tre aces di fila per Monzio Compagnoni in apertura di seconda frazione: è 3-5 per le catanesi; Montenegro ed un fallo al palleggio mettono in condizione la Dilillo nel superare le rivali (7-5). Carnazzo evidenzia i patemi a muro delle virtussine, anche se la squadra di Andaloro persevera sulla linea della fallosità: molteplici le sbavature da ambo le parti, il gioco prosegue a singhiozzo e le azioni latitano con conseguente stallo sul punteggio. Le mani di Mauriello a muro per il 16-15 cui replica Carnazzo: il primo piccolo break è gialloblu (18-16) ma la contesa resta povera di spunti in ragione di numerosissimi svarioni. Albanese inserisce Matte per Modestino: la brasiliana va a segno in fast (21-19), ma manca lo scatto decisivo che però arriva sul finale grazie allo spunto di una attiva Mauriello e della stessa Matte, perfezionato definitivamente da Montenegro.

Nel terzo periodo confermata nel sestetto Matte, la Dilillo conduce beneficiando delle sempre profonde ed insidiose battute di Martilotti e alla conferma di Mauriello (4-3). Pedara colpisce dal centro (6-9) e le biancorosse non si sforzano molto per capitalizzare le indecisioni ofantine. In posto 3 prendono quota Ascensao e Matte, così la Libera Virtus prova ad allungare (11-8). Le bande (Martilotti, Montenegro, Mauriello a turno) danno il loro apporto, le gialloblu cambiano marcia e sul tabellone è 17-10. Sul 20-12, si registrano gli ingressi di Raquel Ascensao e Lanza che entrano anche nel tabellino punti: stavolta le cerignolane non sbandano e la fast in posto uno di Marlene Ascensao consegna un successo importante ai fini della classifica.

La Dilillo sale a 5 punti in classifica e si preparerà ora all’ostica trasferta della prossima giornata in casa della Fiamma Torrese: c’è ancora molto da lavorare e nell’ambiente gialloblu ciò è ben noto, ma l’affermazione davanti ai propri tifosi può infondere nuova linfa e morale per risalire verso posizioni più tranquille in graduatoria.

Ecco il tabellino della Dilillo Libera Virtus, con le giocatrici andate a referto ed i relativi punti realizzati:

Altomonte 2, Mauriello 12, Martilotti 11, Montenegro 12, Modestino 2, Ascensao M. 7, Di Schiena, Matte 6, Ascensao R. 1, Lanza 1, Tribuzio (libero).

CONDIVIDI