L’evoluzione della tecnologia che riguarda l’utilizzo dei computer, e di dispositivi elettronici a scopo ludico o lavorativo, negli ultimi anni si sta spostando verso nuovi orizzonti di sviluppo, uno dei quali è la realtà aumentata. Stiamo parlando della possibilità di manipolare a livello sensoriale la realtà, rendendola più coinvolgente ed interessante. Come spesso accade in queste situazioni il primo ambito in cui tale proposta è stata inserita è quello ludico, che sta facendo da palestra ad ulteriori miglioramenti, che potranno un domani essere sfruttati anche in ambiti assai diversi.

Cos’è la realtà aumentata Tutti sono a conoscenza oggi di cosa sia la realtà virtuale, si tratta di costruire attorno ad un soggetto una realtà del tutto fittizia, visibile attraverso particolare hardware. Ad esempio ci sono dei giochi che permettono di visualizzare attorno a noi un campo di battaglia, per prendere parte alla lotta contro gli avversari. L’hardware si compone in genere di guanti e casco, in modo da poter vedere e sentire la realtà virtuale che ci circonda e manipolarla secondo le regole del gioco cui stiamo prendendo parte. Oltre che per i giochi questo tipo di tecnologia viene sfruttata anche per simulazioni di vario genere, si pensi ad esempio ai corsi per i piloti di aerei di linea o all’addestramento per chi si sta per recare nello spazio. La realtà aumentata è un concetto similare alla realtà virtuale, ma allo stesso tempo completamente diverso. Invece di costruire attorno al soggetto un mondo del tutto virtuale, con la realtà aumentata è possibile rendere più ricco il mondo reale, quello presente.

Gli ambiti di utilizzo sono veramente ampi gli orizzonti della realtà aumentata, anche perché per poterla sfruttare non è necessario estraniarsi completamente dal mondo, indossando un casco o dei guanti. Un esempio a tutti ormai noto è ad esempio la possibilità oggi reale di sfruttare la chirurgia a distanza, con il chirurgo che “vede” effettivamente il paziente che sta operando tramite l’utilizzo del computer. Anche i cruscotti delle automobili che proiettano le linee del navigatore sulla strada o ci indicano dove svoltare sono un altro impiego della realtà aumentata. Stiamo parlando però di ambiti nei quali è necessario possedere abilità particolari, oppure spendere cifre ad oggi non accessibili a chiunque. Dove la realtà aumentata entra in contatto con il comune mortale è nei giochi. Si va dai semplici giochi per tutti che permettono di inquadrare mostri da uccidere o oggetti da raccogliere, visibili nel mondo reale solo attraverso il display dello smartphone, fino alla possibilità di visualizzare un tavolo da gioco o la nostra mano di carte in uno dei casino online proposti da Casino2k. La questione non cambia, stiamo parlando semplicemente di vedere il mondo reale attraverso delle “lenti” che ci permettono di arricchirlo di oggetti, sensazioni, colori di vario genere. Rispetto alla realtà virtuale le aggiunte sono in quantità minima, e il soggetto continua a visualizzare la realtà così come essa è. Nella realtà virtuale invece le aggiunte sono la parte maggiore dell’esperienza visiva o tattile, mentre la realtà vera passa in secondo piano.

Un successo in costante aumento Dalle sale operatorie o dagli ambiti bellici e di addestramento militare, ormai la realtà virtuale e aumentata sono uscite nel mondo quotidiano, quello frequentato da tutti. Il successo di queste applicazioni è in continuo aumento, grazie al fatto che rendono più coinvolgente qualsiasi tipo di esperienza, anche quella di gioco. Oltre a questo si deve anche considerare che la maggiore diffusione di dispositivi hardware in grado di gestire la mole di informazioni necessaria per arricchire la realtà quotidiana rende possibile proporre queste esperienze a chiunque, senza dover spendere cifre esorbitanti per poter ottenere dell’hardware dedicato.

CONDIVIDI