Torna davanti al proprio pubblico l’Audace Cerignola: nella quindicesima giornata del girone H di serie D, gli ofantini riceveranno il Francavilla in Sinni. I ragazzi di Teore Grimaldi provengono da una domenica perfetta: successo 2-4 in casa del Pomigliano, con conseguente dimezzamento delle distanze dalla capolista Potenza. Il bottino finora con il tecnico di Frattamaggiore è di 10 punti in quattro partite: un risultato assolutamente non disprezzabile ed anzi un grosso merito è da suddividere fra l’allenatore e l’intero gruppo, poiché dopo la rivoluzione di inizio novembre Pollidori e compagni si sono oltremodo compattati, stringendo i denti e sacrificandosi uno con l’altro nonostante le condizioni di emergenza ed un organico ridotto davvero al lumicino. In attesa di ulteriori arrivi nei prossimi giorni, l’Audace saluta con entusiasmo il ritorno di Nicola Loiodice: il fantasista barese era aggregato da una quindicina di giorni e ieri, con la riapertura delle liste di trasferimento, si è ufficializzato il tutto. Un elemento che non può mancare nella rosa, per via della fantasia, dello scatto e delle intuizioni di un esterno offensivo che assieme a Louzada sulle corsie può creare fastidi a qualunque squadra. I gialloblu hanno l’intenzione e l’obbligo per certi versi di riprendere a vincere anche sul campo amico, archiviando lo sfortunato 2-2 con il San Severo; sulla carta il compito pare non difficile, ma è lapalissiano affermare che in questo torneo tutto dev’essere conquistato col massimo dello sforzo. Loiodice sarà in campo dal 1′ domani: i problemi fisici di Vito Morra lasciano spazio al numero 46 che comporrà con Louzada e Longo il tridente d’attacco. E’ in dubbio ancora Carlo Vicedomini, ancora alle prese con i postumi della varicella che gli ha impedito di giocare a Volla: in preallarme Ngom, mentre il resto dello schieramento non dovrebbe subire variazioni.

Il Francavilla si attesta in zona playout con 13 punti, tredicesima posizione ed un bilancio totale che parla di tre vittorie, quattro pareggi e sette sconfitte. Dal 2005/2006 ininterrottamente in D, i lucani chiedono a mister Ranko Lazic l’ennesimo miracolo: il serbo siede sulla panchina dalla stagione 2006/2007 ed è un esempio di longevità nella stessa compagine come pochi altri se ne trovano oggigiorno. I rossoblu, scorrendo i calciatori a disposizione, forse non meritano l’attuale piazza in classifica: innanzitutto l’attaccante Volpicelli (ex Fidelis Andria), autore di undici centri e corteggiato da numerose formazioni dello stesso girone H, per passare al difensore Marziale, al difensore Pagano e l’altro attaccante Del Prete. C’è anche un ex fra i potentini, si tratta del centrocampista Dino Marino, passato a Cerignola nel 2010. Sarà squalificato invece il centrocampista Cimino, espulso domenica scorsa nel rovescio interno con l’Altamura, anche se quel risultato non deve ingannare. La difesa pare essere il punto debole dei lucani, ben 30 i gol subiti e seconda retroguardia più battuta del raggruppamento.

Calcio d’inizio fissato alle ore 15 al “Monterisi”, con la direzione di gara affidata al sig.Prior, della sezione di Ivrea.

CONDIVIDI