Nell’ambito della festa dell’Immacolata Concezione di Maria, la comunità parrocchiale di S. Antonio da Padova di Cerignola e la Confraternita Santa Maria della Pietà, a pochi giorni dalla celebrazione della “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”, incontrerà, GESSICA NOTARO la giovane donna di Rimini sfigurata dall’acido. L’appuntamento è fissato per Martedì 5 dicembre alle ore 20 nella chiesa parrocchiale. Dopo la condanna dell’ex fidanzato a dodici anni di carcere Gessica ha dichiarato: “Ho scelto la vita! Mi hanno aiutato famiglia e fede”.  “L’incontro si pone in continuità con la seconda lettera pastorale del Vescovo di Cerignola-Ascoli Satriano, S.E. Mons. Luigi Renna, con la quale il presule invita le parrocchie a porre una peculiare attenzione alla famiglia attraverso cammini comunitari, linee programmatiche e percorsi condivisi – ha dichiarato il parroco don Carmine Ladogan, che ha proseguito. “In questa ottica comunitaria il consiglio pastorale parrocchiale e la confraternita hanno inteso rivolgere a Gessica Notaro l’invito a condividere con la comunità parrocchiale il suo vissuto a partire dal sostegno ricevuto dalla propria famiglia”.

La vita di Gessica Notaro è stata dedicata, al canto, al ballo, alle sfilate e alle conduzioni televisive su emittenti locali e nazionali. Di queste passioni Gessica Notaro ha fatto le sue professioni. La giovane donna ha lavorato, infatti, al delfinario di Rimini come addestratrice e speaker. Nel 2007, proclamata Miss Romagna, ha conquistato la finale al concorso di Miss Italia. Dopo questa esperienza è decollata una carriera nel mondo dello spettacolo prendendo parte a programmi Rai e Mediaset come cantante, ballerina presentatrice. La sera in cui, l’ex fidanzato Jorge Edson Tavares, a gennaio l’ha sfregiata con l’acido colpendola in pieno in volto e, per scivolamento, su un fianco. La giovane donna ha riportato ustioni gravissime particolarmente a un occhio. Nell’agosto precedente l’uomo, originario di Capo Verde, si era reso autore di altri maltrattamenti nei confronti di Gessica e a suo carico era stato aperto un fascicolo sfociato in un provvedimento di ammonimento del questore.

Oggi la ragazza lamenta il fatto che, dopo la prima denuncia ai danni dell’ex fidanzato, la procura chiese l’arresto per il capoverdiano, ma il gip di Rimini dispose il divieto di avvicinamento alla ragazza. Qualche mese dopo, a gennaio, Tavares la aggredì con l’acido. Una violenza senza fine. Oggi Gessica ha trovato il coraggio di mostrare pubblicamente il suo volto e raccontare come la sua vita è cambiata in meglio con il sostegno della famiglia e della fede.