Dodicesimo turno di serie B – infrasettimanale – per l’Udas Basket Città di Cerignola, impegnata in terra abruzzese con la We’re Basket Ortona. Dopo la sconfitta amara in casa con Porto Sant’Elpidio i biancazzurri vogliono subito riscattarsi contro un avversario alla portata come la squadra abruzzese, diretta concorrente degli ofantini in fondo alla calassifica.

Ortona arriva da cinque sconfitte consecutive, rispettivamente con Val di Ceppo, Civitanova Marche, Matera, San Severo e domenica scorsa in casa del Bisceglie. Nonostante tutto si tratta di una squadra pugnace che ha in Gianluca Marchetti, Luca Malfatti e Marcello Crusca i suoi uomini migliori. L’Udas Cerignola arriva alla gara in un buon momento di forma, dopo prestazioni importanti che, oltre il risultato, hanno restituito bel gioco e morale, oltre alla giusta cattiveria agonistica. Si confida molto nel ritorno in campo di Nunzio Sabbatino che potrebbe restituire brillantezza al quintetto di Gigi Marinelli.

«Dobbiamo recuperare le energie mentali di una sconfitta che brucia – ha detto dopo la sconfitta con Porto Sant’Elpidio coach Gigi Marinelli -. Pile cariche in vista di questa serata. E’ una partita importante per il proseguo del campionato perché si tratta di una nostra diretta concorrente». Gara complicata nella quale i biancazzurri cercheranno la vittoria, oltre la buona prestazione. «Ci aspettiamo un’altra partita intensa sperando nel rientro di Sabbatino – ha detto Giuseppe Ippedico -. Nonostante le poche rotazioni che abbiamo in campo dobbiamo dare tutto mettendoci il massimo delle energie». Dello stesso avviso Mattia Marchetti: «dobbiamo subito riscattare la sconfitta di domenica. Ce la metteremo tutta». Si annuncia quindi come la gara della svolta quella prevista per questa sera alle 20,30 in Abruzzo.

«Come al solito la squadra non è al completo – ha rimarcato Marinelli -, con Sabbatino che quasi certamente non sarà disponibile. Non riusciamo mai a presentarci con tutti i ragazzi a disposizione. Loro invece hanno recuperato alcuni infortunati e preso un giovane under. Li incontreremo probabilmente in uno dei loro migliori momenti, nonostante provengano da una serie negativa di risultati. A noi il compito di fare una buona gara, nella speranza che i ragazzi non sentano troppo la stanchezza, avendo alcuni giocato gran parte della scorsa gara».

Gennaro Balzano (La Gazzetta del Mezzogiorno)

CONDIVIDI