Una video cartolina è stata girata in questi giorni a Cerignola dallo staff della RAI, immagini che saranno utilizzate a fine mese in una puntata speciale della “Prova del Cuoco”, il programma enogastronomico preferito dalle casalinghe.

In queste immagini, girate lunedì 11 dicembre, qualche battuta con Rosario Didonna, il titolare dell’Osteria U’Vulesce, tra i più apprezzati e premiati ristoranti dell’intero sud Italia. Didonna, da sempre in prima linea per tutelare e promuovere i prodotti agroalimentari tipici dell’intero stivale – è consulente per il prestigioso market online Foodscovery -, ha parlato di Cerignola, tra le pochissime città in Italia a poter vantare tre prodotti agroalimentari tipici: grano arso, Bella di Cerignola e Pizza Sette Sfoglie. Proprio la “dolcissima” pizza sarà oggetto della trasmissione RAI, dove Rosario Didonna e sua madre, la signora Pina Falco, mano e mente della cucina di U’Vulesce, prepareranno in diretta il dolce cerignolano.

Conosciamo da vicino il dolce: sette sfoglie impastate con una considerevole quantità di olio extra vergine di oliva formano i sette piani di gusto del dolce, farciti con mandorle, pinoli, mostarda d’uva, uvetta e cioccolato fondente. L’origine del nome è incerto seppur sette richiama chiaramente i sette giorni della settimana. E’ alimento immancabile durante le feste natalizie. Un dolce unico nel suo genere, il panettone farcito cerignolano dove al classico lievitato si sostituiscono le sfoglie oleate piene d’ogni bontà. Non si tratta di un dolce prodotto industrialmente ma solo ed esclusivamente in maniera artigianale dalle massaie del basso tavoliere. Tuttavia alcuni esercizi lo realizzano su ordinazione rispettando rigorosamente il disciplinare.

Con Rosario e la Pizza Sette Sfoglie la città di Cerignola tornerà dalla Clerici, dopo che nel 2010 per diverse puntate il duo madre e figlio avevano dato filo da torcere a diverse regioni, vincendo sfide con piatti semplici e tradizionali della cucina pugliese. Ora ci riprovano più aggressivi di prima.

Gennaro Balzano
La Gazzetta del Mezzogiorno

2 COMMENTI

Comments are closed.