L’Udas Volley batte al tie break l’Orthogea Ostuni: Palmieri tira dritto e mette giù palle a ripetizione, Illuzzi usa l’ingegno e manovra bene la squadra e Testagrossa si fa valere sottorete. Per la partita casalinga, mister Ferraro ha schierato: Testagrossa, Zoccola, Palmieri, Lentini, Illuzzi, Durante e Casciaro. Per gli ospiti in campo: Balestra, Galdi, Schena, Taurisano, Lotito, L’abbate e Di Pinto nel ruolo di libero.

Il primo set mette in risalto, sin da subito, l’equilibrio tra le due squadre: Palmieri crea scintille in battuta, Ostuni cerca di incanalare la propria scia positiva acquisita dal muro di Balestra su Durante. Gli ospiti si portano in vantaggio con il diagonale di Lotito e il primo tempo di L’abbate spiana la strada all’ace di Schena. Sul 16-24, i cerignolani tentano la rimonta ma Lotito si scaglia sul libero Casciaro e pone fine al set (19-25). Nel secondo parziale, l’orgoglio biancazzurro padroneggia le scena: Lentini, Durante, Testagrossa a segno; parziale riscossa ospite con Taurisano, ma l’Udas prende il volo con Palmieri che firma le doverose distanza dall’Ostuni con un mani out ed una bordata laterale. L’Ecolav tiene bene, così il diagonale di Palmieri porta alla parità (25-21).
Il terzo periodo sembra ricalcare il precedente e con il giusto tifo, l’Udas si porta immediatamente avanti: pallonetto di Zoccola, Testagrossa mura brillantamente Lotito e Palmieri riscatta un errore con un mani out ed un lungolinea consecutivi. Con la giusta adrenalina e la serenità ritrovata, i ragazzi di Ferraro vedono l’ingresso di capitan Lanzone al posto di Zoccola: i cerignolani sono molto positivi in fase d’attacco e sono quattro i punti di distanza sugli avversari. Da quel momento in poi, il Pala Dileo osserva i propri atleti diventar dei veri leoni: Palmieri si impone con un diagonale, Durante ed il pallonetto di Illuzzi; il fallo di rotazione fischiato all’Ostuni vale il 25-21. Nella quarta frazione, la stanchezza degli padroni di casa inizia a notarsi e l’Orthogea non mette molto ad indirizzare il parziale a suo favore: Abbate, Lotito e Taurisano trovano spesso varchi. Con un divario ampio, per i brindisini diventa semplice pareggiare i conti: Galdi entra con primo tempo, Abbate mura Illuzzi e il mani out di Schena regala alla sua squadra il tie break.
Nel set decisivo, l’Ecolav è trascinata da Palmieri e da un redivivo Lentini, che con i suoi attacchi sottorete mette in difficoltà la difesa avversaria. Gli udassini fuggono via, Lanzone riesce a murare Abbate e l’attacco out di Lotito portano il tabellone sul 15-9 finale. Nel prossimo turno, il 6 gennaio, per i biancazzurri ci sarà l’ostica trasferta contro la Snav Folgore Massa.
CLASSIFICA GIRONE G ALLA DECIMA GIORNATA
Bcc Leverano 28; Romeonormanna Aversa, Emrafoods Gis Pallavolo Ottaviano 24; Tya Marigliano, Snav Folgore Massa 16; Fulgor Tricase, Ecolav Udas Cerignola 15; Pallavolo Bari, Giocoleria Virtus Potenza 14; Florigel Andria, Orthogea Ostuni 12; Erredi Assicurazioni Taranto 11; Matervolley Castellana Grotte 8; Olimpia Galatina 1.