Nell’ultimo impegno agonistico del 2017, l’Audace Cerignola sarà di scena domani in trasferta contro la Nocerina nei sedicesimi di finale della coppa Italia di serie D. L’incontro doveva disputarsi in origine il 6 dicembre scorso, poi l’accordo fra le due società ha fatto slittare di due settimane la data. Gli ofantini hanno finora superato tutti gli ostacoli, partendo dal turno preliminare: nell’ordine San Severo, Gragnano e Campobasso. Per i ragazzi di Teore Grimaldi il viaggio a Nocera Inferiore non rappresenterà una gita di piacere: la volontà è quella di giocarsela come sempre, sperando di continuare il percorso nella competizione nazionale. Di certo una sfida affascinante, perché di fronte ci sarà una compagine dalla grande tradizione. I gialloblu devono smaltire l’amarezza per il pareggio interno di due giorni fa contro il Picerno: visto il turno casalingo si potrebbe parlare di occasione persa nell’ottica campionato, più pragmaticamente invece è un punto che potrebbe fare molto comodo nel prosieguo del torneo con un intero girone di ritorno da disputare. Non c’è dubbio infatti che, considerando le varie vicissitudini affrontate dall’Audace dall’inizio della stagione, il bilancio sia assolutamente in positivo. Tre punti di distacco dalla vetta al giro di boa e con altre tre pretendenti ai primissimi posti non sono da disprezzare quando si è cambiati il progetto tecnico in corsa. Per la sfida ai campani, il tecnico di Frattamaggiore probabilmente opterà per qualche rotazione, basandosi anche sulla condizione fisica generale del gruppo. Da valutare le condizioni di Longo, uscito all’inizio del secondo tempo con il Picerno per una botta all’anca sinistra, mentre è possibile l’impiego di qualche under stabilmente in prima squadra da qualche settimana.

La Nocerina è fra le squadre migliori del girone I, attualmente occupa la seconda piazza ma domenica ha vinto in campo avverso lo scontro diretto con la capolista Troina, accorciando il divario a sette lunghezze. I rossoneri sono entrati nella manifestazione dal primo turno eliminando il Pomigliano, nei trentaduesimi hanno avuto ragione ai rigori sull’Ercolanese. Alla guida dei molossi c’è Massimo Morgia, il quale può contare su un organico ben amalgamato di giovani ed esperti. La stella della Nocerina è indiscutibilmente l’attaccante esterno Giovanni Cavallaro, match winner ai danni del Troina nella precedente partita: dopo anni di professionismo a Foggia e Cosenza, la scelta di tornare a vestire la prestigiosa maglia rossonera dopo le quattro stagioni con annesso triplo salto dalla D alla B fra il 2008 e il 2011 . Altri giocatori di spicco sono la punta Russo, il centrocampista Alvino e i difensori Manzo e Mautone. C’è anche un ex, ossia Michele Ragone: il terzino cerignolano in rosa per la prima metà della scorsa annata in Eccellenza. Possibile che anche Morgia opti per un robusto turnover, ma si sa che perdere non piaccia a nessuno e vale per entrambe le contendenti.

Calcio d’inizio allo stadio “San Francesco d’Assisi” alle ore 14.30, con la direzione di gara affidata al sig.Sili, della sezione di Viterbo. Chi passa il turno affronterà negli ottavi la vincente del match fra Monticelli e Francavilla.