A margine dei gravi fatti di cronaca delle ultime ore giunge il commento del Sindaco Franco Metta. «Forza Cerignola. Nessuno sconforto. Nessuna rassegnazione. Pochi malvagi criminali hanno dichiarato la proterva volontà di imporre, a spari e scoppi, la propria violenta predominanza su una Città che vuole crescere,  vivere civilmente, progredire. Sono rabbioso ed indignato. L’unica risposta possibile a questo manipolo di manigoldi è una concreta ed unanime mobilitazione civica, che condanni, isoli e svergogni i pochi violenti, che vogliono impedire quello a cui tutti aspiriamo per la nostra Cerignola. Non andrò in Prefettura a chiedere quel che le Forze dell’Ordine già fanno al massimo delle loro possibilità. Cerignola risponderà come Comunità civile e determinata, con fatti concreti».

Il primo cittadino esprime inoltre vicinanza agli imprenditori colpiti in queste ore. «Emilio Fasano e’ un bravo imprenditore: cura le manutenzioni per gli immobili comunali; si e’ aggiudicato l’appalto pubblico per ricostruire, dopo anni, la parte degradata dell’edificio che ospita la scuola elementare Di Vittorio. Andrò sul quel cantiere, insieme ad Emilio e alle Sue maestranze, a dire che chi tocca il loro lavoro, le loro famiglie, la loro serenità, dovrà fare i conti con una intera città. Mobiliterò ogni cellula economica, sociale, culturale, sportiva, del terzo settore, del volontariato, delle associazioni e gruppi di lavoro, di questa città perché ai signori Graziano e Di Lorenzo arrivi un immediato, concreto, efficace aiuto economico. Voglio che i loro esercizi commerciali, anche con il nostro sostegno, riaprano presto e, se vorranno, riapriremmo insieme le loro attività, piu’ belle e piu’ accorsate che mai. Sono confortato dalla unanime, o quasi, reazione di condanna e sdegno. Ai pochi, che si crogiolano nel pessimismo cosmico, per cui “questa è Cerignola e non c’è nulla da fare”, dico: “Bravi fessi, è proprio quello che vogliono i bombaroli e gli sparatori”. Compiango quell’altra categoria di irresponsabili, che tenta di strumentalizzare vergognosamente il drammatico accaduto a fini di parte. Poverini anche loro. La nostra gente non apprezza e li condannerà al piu’ totale isolamento».

E aggiunge: «quegli spari, quegli scoppi, sono contro le vittime colpite, ma sono anche contro la Città, il Sindaco, contro tutti coloro che vivono a Cerignola, qui vogliono vivere ed intraprendere, qui vogliono che si respiri ordine, legalità, civile convivenza. Credete forse che questa recrudescenza di violenze vili sia una prova di forza? Vi dico chiaro e tondo che Vi sbagliate! Non di forza sono espressione questi gesti, ma di una disperata consapevolezza di essere minoranza, ripudiata, anzi schifata, da tutto il resto del popolo di questa Città. Gli spari e le bombe arrivano all’indomani di imponenti operazioni di polizia, che stanno infliggendo alla malavita colpi decisivi, con scoperta di bunker, sequestri di armi, operazioni di polizia giudiziaria di grande portata e di grande successo. Questa è la risposta truculenta e violenta di chi si sente ogni giorno di piu’ espulso dal contesto sociale, isolato dalla volontà della stragrande maggioranza della Comunità. Ci sfidate, perché siete destinati a scomparire, in una Città che recupera la sua storia, che drena ogni possibile finanziamento pubblico per risollevarsi, che attira migliaia di persone con i Suoi eventi sociali, culturali, spettacolari. Detestate che imprese ed imprenditori possano lavorare e progredire. Non volete lavoro e lavori onesti, perché il vostro brodo di coltura è la fame, la disperazione, la disoccupazione. Contro cui ogni giorno, da mesi, questa Città conduce una lotta serrata e già produttiva. Ci sfidate? Troverete pane durissimo per i vostri tentacoli affilati dalla violenza e dalla voglia di sopraffazione.  Con il conforto delle nobili espressioni del nostro Pastore don Luigi; Con la forza dell’unanime sdegno e della comune volontà di ribellarsi a coloro che ci vorrebbero fermi, zitti ed impauriti; Con la determinazione di chi sa che questa e’ una battaglia che non si puo’ rinunciare a combattere e che non si può accettare di perdere; Noi tutti, di Cerignola, accettiamo la sfida e Vi combatteremo. E’ scritto. Il male, alla fine, non prevarrà. E Noi tutti confidiamo, oltre che nella nostra volontà e nella nostra forza, nel messaggio evangelico. Cerignola non è vostra. Non sarà mai vostra. Cerignola si difenderà con le unghie, con i denti, con quei valori di onestà,  laboriosità, orgoglio, che sono patrimonio di questa Città. Sparate, ma non vi illudete. Cerignola non arretra di un centimetro. Lo dobbiamo, prima ancora che a Noi stessi, ai Nostri figli, ai Nostri nipoti, alle persone che amiamo e che in questa Città vivono e vogliono continuare a vivere in civile convivenza, ordinata e rispettosa delle regole. Forza, dunque, Cerignola. Forza. Sempre».

CONDIVIDI
  • Patrizio mugij

    Da che pulpito viene la predica…guardandoti davanti allo specchio…che differenza c’è. Speriamo che il nuovo anno, la magistratura…ci faccia vedere il nuovo CAMBIAMENTO…incominciando dalla testa…finendo…ai piedi.

  • alessia

    l’esercito ci vuole qui e basta co sti campetti di calcio, non ci incantiamo facilmente

  • Mario

    ..le solite stronzate!! fiaccolate, veglie ecc a chi servono?? Se la rideranno nel vedere tanti stupidi con fiaccole e striscioniin giro. serve una reazione dura dello Stato!! Rovinategli la festa a questi balordi, cercate casa per casa tanto sapete chi sono.

    • Un pensionato

      ESATTO, PAROLE SANTE.

    • Basta poco

      Basta sospendere inaugurazioni e papulettate varie e destinare anche un centesimo dei soldi spesi appresso a ste stronzate, a favore di iniziative concrete che non siano ovviamente fiaccolate e cazzate varie. Istituire dei gruppi di cittadini volontari magari ex forze ordine in pensione per vigilare nei quartieri potrebbe essere un ottimo inizio.

  • Graziano…uno di noi

    Erano gli anni 90 e da bambino guardavo i tg in televisione dove parlavano degli atti intimidatori al 48. Graziano non ha mai ceduto alla violenza del racket e mai lo dovrà fare. Le nuove generazioni di Cerignola sono con te e con chi altri viene preso di mira in questi giorni.
    Quanto al sindaco.. basta chiacchiere, marce, fiaccolate, inaugurazioni e stronzate inutili. Inizia con l’istituire un numero verde o a tappezzare cerignola di manifesti antiracket, FAI QUALCOSA DI CONCRETO, ma soprattutto ESPONITI in prima persona!!!