Parte bene il 2018 dell’Audace Cerignola: il 2-0 allo Sporting Fulgor consente di tornare al successo dopo il pareggio interno contro il Picerno prima della sosta ma soprattutto fa balzare gli ofantini al secondo posto in classifica a -1 dal Potenza. Vittoria indiscutibile dei padroni di casa, ai quali si può rimproverare solo di non aver aumentato il bottino a favore. Grimaldi deve rinunciare in mediana a Moro e Pollidori, ci sono Ngom e Sante Russo; esordio dal 1′ per Herrera, schierato in avanti con Longo e Loiodice. Lanza schiera i suoi con un prudentissimo 4-5-1 con Savasta in avanti supportato da Petitti. Al 5′ Marinaro tenta il gol dalla bandierina, Figliolia si rifugia in corner dall’altra parte, due giri di lancette più tardi Marzio sfiora l’autogol di testa. L’Audace gira a mille nel primo quarto d’ora, Marinaro non centra il bersaglio su punizione e Longo con un diagonale manda la sfera di un soffio a lato; in mezzo, l’unico tiro degli ospiti con la blanda conclusione di Petitti da fuori area bloccata da Abagnale. Lo Sporting Fulgor prende un po’ le misure ai gialloblu e bisogna aspettare il 27′ per una nuova occasione, ma il doppio passo e sinistro di Loiodice non preoccupano il portiere. I padroni di casa insistono sul finire di frazione: Di Bari da corner prolunga per Longo che non riesce a deviare in porta, al 38′ Sante Russo non impatta di testa nel migliore dei modi su centro di Loiodice. Sempre e solo cerignolane le azioni da gol: Longo chiama alla risposta di pugno Figliolia, il destro di Sante Russo sembra indirizzato all’incrocio ma si perde sul fondo. Così, proprio allo scadere (46′), Di Bari incorna perfettamente un cross dalla destra di Loiodice lì dove il numero uno biancorosso non può mai arrivare. Risultato sbloccato e sospiro di sollievo in tribuna che scaccia i fantasmi del Picerno che qualcuno già agitava.

Loiodice ed Herrera sono molto attivi sulle corsie laterali: il fantasista barese apre con un assolo la cronaca del secondo tempo, però il sinistro finisce fra le mani di Figliolia. Il portiere si supera poi al 55′ in un doppio intervento, prima su Herrera e pochi istanti dopo sempre su Loiodice. Il raddoppio arriva al 57′: Ngom recupera palla quasi al limite dell’area, Loiodice è servito sulla corsa a destra, pallone basso per Longo e da questi ad Herrera che non può proprio sbagliare, bagnando il suo esordio in gialloblu con un gol. Nel frattempo prima presenza anche per Carannante, il Cerignola può triplicare al 74′: lo scatenato Herrera è atterrato da Guadalupi in area, l’arbitro concede la massima punizione. Dal dischetto Longo sceglie la potenza, Figliolia indovina il lato giusto e sventa il tris. Gli ofantini non si accontentano ma non riescono ad aumentare il divario: al 76′ Figliolia si oppone su Longo, Donvito calcia la palla addosso a Carannante che per centimetri sfiora il classico “gollonzo”. Longo cerca spasmodicamente la gioia personale, l’allungo acrobatico è vanificato dall’ottimo portiere dello Sporting Fulgor. Si registrano anche gli ingressi di Louzada e Donnarumma, nel recupero della ripresa le ultime pallegol: il subentrato Cianci gira alto di testa, Louzada pecca di egoismo e non ha fortuna col destro.

Arriva a quota otto la serie positiva dell’Audace Cerignola targata Grimaldi: nelle ultime tre gare di campionato (quattro compresa la coppa Italia), nessuna rete al passivo. Gli ingranaggi si stanno sempre più perfezionando e per la lotta al vertice gli ofantini diranno certamente la loro. Nel prossimo turno, l’ostica trasferta a Nardò, altra formazione con una striscia utile di incontri.

Questo slideshow richiede JavaScript.

AUDACE CERIGNOLA-SPORTING FULGOR 2-0

Audace Cerignola: Abagnale, Russo L., Allegrini, Di Bari, Di Cillo (82′ Donnarumma), Russo S., Marinaro, Ngom (61′ Carannante), Herrera (89′ Cianci), Longo, Loiodice (76′ Louzada). A disposizione: Maraolo, Cappellari, Morra, Ciano, Bruno. Allenatore: Teore Grimaldi.

Sporting Fulgor: Figliolia, Marzio, Dellino, Guadalupi, Nitti (15′ Pastore, 46′ Serino), Donvito, Basta (65′ Cassano, 87′ Schirizzi), Tenneriello, Savasta, Petitti, Cifarelli (51′ Burdo). A disposizione: Terlizzi, Tulimieri, Strippoli, Amorese. In panchina: Mauro Lanza.

Reti: 46′ pt Di Bari, 57′ Herrera.

Ammoniti: Loiodice (AC); Figliolia, Dellino, Guadalupi, Tenneriello (SF).

Angoli: 11-1. Fuorigioco: 5-3. Recuperi: 1′ pt, 3′ st.

Note: Figliolia (SF) para un rigore a Longo al 74′.

Arbitro: Lipizer (Verona). Assistenti: Mazzuoccolo (Nola)-Ferraioli (Nocera Inferiore).

CLASSIFICA ALLA DICIOTTESIMA GIORNATA

Potenza 43; Audace Cerignola 42; Cavese, Team Altamura 41; Taranto 32; Gravina 30; Az Picerno, Nardò 27; Sarnese 22; Pomigliano 21; Gragnano 20; Francavilla in Sinni 17; Turris (-4) 16; Alto Tavoliere San Severo 15; Frattese 13; Manfredonia (-2) 11; Aversa Normanna 10; Sporting Fulgor 9.

CONDIVIDI