Nella giornata di lunedì scorso i Carabinieri della Stazione di Cerignola hanno arrestato quattro cittadini rumeni, tre uomini e una donna, tutti di età compresa tra i 26 ed i 32 anni, colti nella flagranza del reato di furto di olive. Il fenomeno dei furti nelle campagne è da sempre oggetto di particolare attenzione da parte dell’Arma, essendo una tipologia di reato che, molto spesso sottovalutata, rappresenta una vera piaga per i produttori ortofrutticoli, che si vedono privati del loro raccolto, e quindi degli investimenti fatti, per mano di veri e propri parassiti della campagna.

E’ per questo che i Carabinieri, oltre che pattugliare costantemente i centri cittadini, attuano costantemente delle vere e proprie battute in aperta campagna, così da prevenire, e se del caso reprimere, reati di tale natura.

E proprio in quest’ottica, i Carabinieri di Cerignola, durante un servizio perlustrativo in località “Pavoni”, hanno sorpreso i quattro malfattori che avevano già riempito vari sacchi, per un totale di due quintali circa di olive. I soggetti, subito bloccati, sono stati dichiarati in arresto e sottoposti agli arresti domiciliari. Dovranno rispondere dei reati di furto aggravato e danneggiamento, avendo, tra le altre cose, anche rovinato i rami di varie piante.

CONDIVIDI