Impegno casalingo per l’Audace Cerignola: la 26ma giornata del girone H di serie D propone la sfida con l’Aversa Normanna, turno che precede la sosta del campionato in programma domenica 11 marzo. I ragazzi di Teore Grimaldi hanno pareggiato 1-1 sul campo della Turris domenica scorsa, un punto arrivato in rimonta dopo l’iniziale svantaggio e che ha allungato a quattro la striscia di partite utili per gli ofantini. Non è stata affatto una passeggiata a Torre del Greco: fra squalifiche ed infortuni di vario genere, non è stato semplice varare la formazione da mettere in campo; tuttavia, nonostante le difficoltà e il gol dei corallini arrivato dopo pochi minuti, l’Audace ha saputo reagire e si è ben disimpegnata anche con i giovani in campo. Il gol di Donnarumma ha legittimato le occasioni create ed ha evidenziato ancora una volta il carattere dei cerignolani, mai domi e desiderosi di uscire imbattuti da un terreno di gioco tradizionalmente ostico per tutte le compagini. Anche la Cavese ha allungato il margine di distanza sui gialloblu, che ora devono fronteggiare l’attacco del Taranto in terza posizione: domani l’occasione per tornare al successo dopo una ventina di giorni, permettendo di andare così alla pausa con serenità in vista del rush finale. Sosta che può rappresentare un alleato non indifferente per il Cerignola, ci sarà tempo per recuperare pienamente chi allo stato attuale non è al massimo della forma per non fallire l’importante appuntamento di mercoledì 14 in coppa Italia contro il Potenza. Grimaldi può esibire un mezzo sorriso, poiché riavrà a disposizione (scontate le rispettive squalifiche) Vito Morra e Vito Di Bari: a quest’ultimo ha dato esito positivo il ricorso proposto avverso le tre giornate comminate dopo il triplice fischio di Cava. Proprio Morra potrebbe fungere da riferimento avanzato centrale, con Longo ad accomodarsi in panca perché non al 100%; Di Bari è pronto a ricomporre la coppia centrale di difesa con Allegrini, verso la conferma per Louzada ed Herrera nel tridente. Da valutare le condizioni anche di Sante Russo e Loiodice, anch’essi alle prese con fastidi fisici.

L’Aversa Normanna è quindicesima in classifica, in piena zona playout: sono 23 i punti totalizzati, con un computo complessivo di cinque vittorie, otto pareggi e dodici sconfitte. Il ko in casa della capolista Potenza ha interrotto una fase di grande salute per i campani, i quali con dieci punti in quattro incontri erano tornati prepotentemente in corsa per la permanenza diretta. L’undici guidato da Antonio Marasco proverà ad insidiare la terza forza del raggruppamento, confidando sulle ripartenze e cercando di non sbagliare nulla per portare a casa un risultato positivo. I granata si fondano sull’esperienza del difensore Pezzella (classe 1980), sul portiere Maiellaro e sulle punte Varriale e Giacobbe -con 11 gol in due reggono il peso del secondo peggior attacco del girone-. Dal mercato invece sono arrivati tre elementi in mediana, ossia Platone, Romano e Scognamiglio e l’attaccante albanese Qehajaj.

All’andata, l’Audace Cerignola si impose 1-2 con le reti di Gambino e Longo, intervallati dal pareggio di Varriale. Calcio d’inizio allo stadio “Monterisi” alle ore 16, con la direzione arbitrale affidata al sig.Zuffada, della sezione di Sulmona.