A partire da oggi sono stati conferiti i rifiuti urbani di cinque comuni del Consorzio al fine di effettuare il collaudo a caldo di otto biocelle dell’impianto di biostabilizzazione del Consorzio di Igiene Ambientale Bacino FG4 presso lo stabilimento di SIA in contrada Forcone – Cafiero.

“Sono fiero di annunciare l’importante risultato ottenuto dopo l’intenso lavoro svolto in questi lunghi mesi – ha commentato il primo cittadino Franco Metta -. Questa mattina i rifiuti urbani raccolti nei Comune di Cerignola, Margherita di Savoia, Orta Nova, San Ferdinando di Puglia e Trinitapoli sono stati conferiti presso l’impianto di biostabilizzazione sito in Cerignola presso contrada Forcone – Cafiero. I lavori di realizzazione dell’ impianto di biostabilizzazione che comprendono la costruzione di 16 biocelle, ai quali sta partecipando anche la società ASECO tramite la Regione Puglia,  sono in fase di completamento. Al momento sono terminati i lavori di 8 biocelle delle complessive 16 e il conferimento dei rifiuti, anche se per la sola  giornata dell’8 marzo, risulta necessario per il collaudo a caldo al fine di verificarne il corretto funzionamento e la successiva definizione dell’operatività che, a collaudo terminato con esiti positivi, si prevede possa avere inizio con attività ridotta al 50% il 15 marzo”.

Un punto di partenza rispetto al quale diverse altre cose si devono completare. A partire dai “lavori per il completamento delle  restanti 8 biocelle che permetteranno il funzionamento a pieno regime dell’intero impianto di biostabilizzazione. Il primo tassello per l’impiantistica relativa al trattamento dei rifiuti dei Comuni aderenti al Consorzio e serviti dalla SIA è stato posizionato. Continuiamo a lavorare – chiosa Metta – per il perseguimento degli obiettivi futuri prefissi”.