La Fmi Shop non delude le aspettative e si getta a capofitto nello scontro contro Villa Zuccaro Schultze: se da una parte il trio Diomede-Bertiglia-Escher rincorre il punteggio fino all’ultimo respiro, dall’altra capitan Mancuso macina successi a suon di bordate mirate. Grandi prestazioni in campo anche per Barbaro, che con grinta e elasticità coglie ogni singola occasione, e per l’alzatrice Catalano che dal servizio fa scintille. Per la sfida casalinga, mister Filannino ha schierato: Maffei, Ameri, Catalano, Mancuso, Barbaro, Tralli e Rubino. Per le avversarie, in campo: Rana, Caruso, Diomede, Escher, Cassone, Bertiglia e Cosentino.

Il primo set vede immediatamente le ospiti una spanna sopra alle padrone di casa: Diomede apre con un pallonetto, Bertiglia fa ace, Escher supera il muro con un diagonale e Rana mura la fast di Maffei. Dopo un break a firma Mancuso, il momento positivo di Santa Teresa di Riva si instensifica, nonostante un breve recupero fucsia: è il tocco liftato di Escher a dettar legge e avvicinare la propria squadra alla conquista del primo set. Sul 18-20, un bel piazzato primo tempo di Maffei e il muro brillante di Tralli sulla pipe di Bertiglia, ma le siciliane tengono e il colpo di Rana conclude il parziale (21-25).

Con il morale alto e la voglia di non esser sconfitte tra le mura del Pala “Dileo”, la Pallavolo Cerignola si carica con le urla dei propri tifosi ed entra in campo rigenerata, come si evince già dal primo tentativo vincente di Ameri sul muro ospite. Dopo l’ace di Maffei ed una splendida performance di capitan Mancuso in zona 4, il match si accende: le ragazze di Gagliardi fanno sentire la loro presenza, il timeout chiesto sul 5-7 porta bene alle ofantine. Barbaro a segno, l’astuzia in secondo tocco della palleggiatrice Catalano rimette in parità la situazione, ma è ancora una volta Mancuso a creare distanze. Con il punteggio a favore, le “pantere” ingaggiano un duello serrato con le avversarie: dopo un nuovo timeout, un attacco vincente di Ameri da seconda linea, un diagonale di Barbaro ed un lungolinea che porta il nome della numero 11 di casa pareggiano il conto dei parziali (25-23).
Con un set a testa e la consapevolezza di dover vincere a tutti i costi il terzo periodo, entrambe le squadre danno vita al vero spettacolo del volley, colpendo palloni a raffica. Il punteggio resta in equilibrio fin quando il mani out di Barbaro accende le mani del muro avversario: Maffei, Mancuso e Tralli consegnano quattro punti di margine sulla Villazuccaroschutze, che tuttavia reagisce da par suo. Bertiglia trascina le ospiti, Ameri e il diagonale di Barbaro spingono il tabellone sul 26-25. I vantaggi proseguono a lungo e sembrano infiniti: Diomede rimette continuamente in discussione l’esito del set, Barbaro chiude finalmente sul 32-30 con due colpi che entusiasmano il palazzetto.
Ora in svantaggio, la Villazuccaroschultze tenta immediatamente il riscatto: il mani out di Diomede apre in bellezza, le fucsia lasciano spazio a qualche errore e la solita Diomede si porta sul 3-6 con il muro su Ameri. E’ la centrale Tralli a sbloccare le compagne, mentre gli animi in campo si accendono: un rosso mostrato alla laterale ospite Escher rimettere in pari la situazione e spiega le vele fucsia. Mancuso, Maffei, Catalano dal servizio e il mani out di Barbaro per l’importante 17-9. Ancora Diomede di non mollare la presa, Rana sembra brillare sottorete con una offensiva ed un muro su Mancuso. Dopo aver subito una piccola rimonta però, Filannino ferma il gioco e nuovamente il timeout dà i suoi frutti: Ameri brucia le mani di Diomede, Escher (ormai in tilt) colpisce l’asticella in attacco e Tralli sigla un pallonetto e l’ace del 25-21 che tutti i tifosi cerignolani non dimenticheranno mai.

2 COMMENTI

Comments are closed.