Dopo la querelle per l’inizio dei lavori sui suoli dell’Agrario il Sindaco di Cerignola Franco Metta, che non si era esplicitamente espresso, se non con una lettera datata 17 marzo a Prefetto e Questore di Foggia, interviene nella discussione.

«Il palazzetto dello sport si farà nei luoghi e nei modi già deliberati dalla Amministrazione Comunale – ha detto Metta -. Sono al corrente che l’ennesima strumentalizzazione dei giovani studenti invitati a non andare a scuola, questa è una grave colpa dei presunti educatori, è prevista nelle prossime ore. Ovviamente si tratta di una ennesima speculazione sulla pelle dei ragazzini che non sanno neanche per che cosa manifestano».

Il Sindaco prosegue dritto per la sua strada e fa sapere di esser certo delle proprie scelte. «Il Palazzetto si farà esattamente dove abbiamo deciso di realizzarlo. In questo momento c’è un’azione possessoria intentata dalla Avvocatura dello Stato per conto dell’Istituto Agrario contro il Comune di Cerignola – spiega -. Vi anticipo che questa azione è destituita di ogni fondamento, che la Magistratura ordinaria non ha giurisdizione sugli atti della Pubblica Amministrazione e, quindi, si tratta di una ennesima speculazione, ennesima strumentalizzazione, ennesima perdita di tempo di pochi sfascisti che desiderano, nella loro vita, contraddistinguersi per il fatto che fanno solo chiasso senza costruire niente. Noi invece costruiamo il palazzetto e lo costruiamo esattamente dov’è attualmente il cantiere e vi annuncio – conclude – che, quando riprenderanno a breve i lavori, io sarò presente».