Terza società di Puglia nel medagliere dei Campionati Nazionali di Categoria per Cadetti, Juniores e Ragazzi organizzati dalla Federazione Italiana Nuoto la settimana scorsa c/o il Centro Federale di Riccione. Un risultato consistente, e soprattutto da raccontare, in classifica generale nazionale nella sezione maschile l’Aquarius è 24^ su oltre 170 team con punteggio per un totale di circa 300 società partecipanti. Questa edizione dei Campionati è da ricordare per un’altra nota di soddisfazione, la partecipazione ottenuta con le qualifiche regionali di ben cinque agonisti. Sara Fiandanese di Andria, Raffaella Ruocco di Cerignola, Davide Addati di Andria, Michele e Ludovico Sassi di Minervino.

“I due fratelli terribili” così chiamati dall’addetto stampa della Fin Puglia l’amico Stefano Palazzo portano a casa ben 6 medaglie di cui 4 d’argento e 2 di oro. Una gara in progressione per Davide, Raffaella e Sara migliorando il proprio personale nella bolgia delle piscine comunali di Riccione con gli oltre 1000 atleti iscritti. Michele “veterano” afferma la sua presenza ai Campionati Italiani, per Ludovico “matricola” è stata la prima esperienza, importante ed esaltante, condotta con determinazione e lucidità con l’intento di salire a podio suscitando l’esternazione ironica del tecnico della nazionale responsabile delle squadre giovanili Walter Bolognani “…e che deve fare Michele!”.

Il tecnico federale si è complimentato con l’allenatore Addamiano Fabrizio e con il Presidente per il proficuo, armonico e genuino lavoro svolto con passione da dirigenti, tecnici ed agonisti. “I risultati e le crescenti soddisfazioni sono sotto gli occhi di tutti. Le doti degli atleti vanno percepite e stimolate nella giusta misura e nel tempo con passione ed intraprendenza. Lo stesso spirito che i giovani dirigenti Messina riflettono nei rapporti con i collaboratori.” Quanto commenta il Consigliere regionale della Fin Puglia e Presidente dell’Aquarius Messina Ruggiero.

“Emozioni importanti! Assistere personalmente ai nazionali e seguire le gare dal bordo vasca con i tecnici che fischiano ed urlano incoraggia ed impreziosisce il lavoro di allenatori ed atleti, proiettandoti nelle dinamiche più intime con le quali entrambe le figure affrontano dal pre gara all’analisi del dopo gara. Michele e Ludovico per caratteristiche identiche, quasi predestinati, hanno partecipato alle stesse gare in categorie differenti ovviamente, 200 mt Farfalla, 200 e 400 mt Stile Libero, 400 mt Misti e 1500 mt Stile. Michele con la sua esperienza ha gestito tutte le gare nelle serie più veloci dove le differenze sono decimi di secondo, con consapevolezza per gli alti livelli agonistici e con costanza per le nuotate a ritmo sostenuto. Ludovico, teso ma caparbio come il guerriero che vuole raggiungere la meta, ha impressionato per il tempo stabile nei passaggi ad ogni 100 mt per ogni specialità di gara come un preciso calcolatore. La prossima settimana si continua con il Campionato Nazionale di Nuoto di Fondo sempre a Riccione l’8 e 9 aprile per proseguire con il Campionato Nazionale Assoluto. Un grande in bocca al lupo alle nuove leve per le imminenti avventure!”.