Archiviate le festività pasquali (in realtà non ci si è fermati con gli allenamenti), arriva un finale di regular season particolarmente interessante. Per il 13mo turno di ritorno, l’Udas Basket Cerignola con il nuovo tecnico Origlio arrivato una settimana fa ed impegnato nel ridare compattezza al gruppo biancazzurro, affronta domani (ore 18 al Pala Guerrieri) la difficile trasferta di Fabriano, che potrebbe essere la sfidante nei playout. Le settimane di allenamento sono passate con serenità ma anche la consapevolezza che il cambio tecnico effettuato sia da stimolo per i giocatori, decisi più che mai a cercare la vittoria che manca da troppo tempo. Le sconfitte contro Porto S.Elpidio ed Ortona hanno segnato l’addio di Gigi Marinelli alla panchina udassina, l’approdo di Origlio potrebbe dare la svolta al gioco dei “cannibali” che specialmente nella seconda parte di gara soffrono più degli avversari. Proprio sull’ex coach si è espresso il direttore generale, Angiolino: «E’ stata una scelta dolorosa dal versante umano dover comunicare a Gigi la notizia, paga colpe non sue. Non possiamo dimenticare che è stato lui l’artefice della promozione in B, ho parlato due giorni fa con Origlio e mi dà l’impressione che possa dare l’input ai ragazzi per questa sfida da vincere a tutti i costi».

Anche Fabriano si avvicina alla gara di domani con un nuovo timoniere in panchina, non un allenatore qualsiasi ma uno che sui parquet a livello nazionale ha fatto la storia di questo sport, Alessandro Fantozzi. Ha preso il posto del dimissionario Daniele Aiello, decisione giunta dopo il ko contro Perugia: una scelta sofferta anche in questo caso, che ha fatto precipitare la squadra marchigiana nella bagarre per la salvezza con 18 punti all’attivo (nove vittorie e diciotto sconfitte). Il fattore campo potrebbe non bastare ai locali contro i biancazzurri ofantini, decisi a restare in Serie B.