Si è celebrato quest’oggi, in tutta Italia, il 166° anniversario della fondazione del corpo di Polizia. Nella nostra provincia, la cerimonia si è tenuta presso l’Aula Magna della Facoltà di Economia dell’Università di Foggia, alla presenza fra gli altri del Prefetto di Foggia dott.Massimo Mariani, di Don Luigi Ciotti fondatore di Libera, ed Autorità civili, militari e religiose. Nel discorso di apertura della cerimonia ufficiale, il Questore di Foggia, Mario della Cioppa ha riassunto la situazione in un complesso e difficile territorio, quale quello dauno: «Anche se gli indici di delittuosità rivelano un trend a scendere nell’ultimo anno, anche abbastanza netto, siamo perfettamente consapevoli che la loro lettura non può certo determinare soddisfazione: ciò perché la percezione della gente non corrisponde alla proiezione del dato reale, segno evidente che tanto ancora è necessario fare per affermare un sistema di sicurezza che coniughi perfettamente il dato con la percezione, specie in una realtà come quella di questa provincia dove, non raramente, si piega la testa, accettando la prevaricazione. Molti parlano di omertà, io voglio aggiungere che molto spesso si tratta anche di paura e noi abbiamo l’obbligo di proporre un’azione sempre efficace ma soprattutto tempestiva che affranchi dalla paura chi ce l’ha e lo sospinga verso quella rivoluzione culturale che rappresenta importante strumento per battere le mafie. Ci vorrà tempo, ne siamo assolutamente coscienti, ma garantiamo la massima determinazione ed impegno perché ciò accada. Non c’è un solo uomo o una sola donna della Polizia di Stato che non creda fermamente in quello che fa per il raggiungimento dell’unico obiettivo che ci siamo prefissati: quello di liberare questa terra dalla Criminalità, di spazzarla via, per rendere libere le persone e per affrancarle dalla paura».

Il Questore poi si sofferma sulle direttrici secondo cui agisce la Polizia in tutta la provincia per contrastare il crimine: «La prima: Controllo del Territorio e massima prevenzione. Dal 10 agosto 2017, è in atto ininterrottamente, tutti i giorni per 24 ore, un piano straordinario di controllo del territorio in 5 macro aree con cui abbiamo ritenuto di suddividere la provincia, in base alla sensibilità delle stesse, senza dimenticare la fascia territoriale di nostra competenza nella BAT. La seconda direttrice: la massima valorizzazione delle strutture investigative, a cominciare dalla Squadra Mobile al cui qualificatissimo personale ho affidato lo specifico obiettivo di fornire il massimo supporto possibile alle Procure della Repubblica. Per proseguire con la valorizzazione della DIGOS il cui personale, in silenzio, ma con professionalità sempre crescente, garantisce puntualmente la gestione delle molteplici problematiche sui tanti fronti caldi che questa provincia rileva. La terza direttrice: il rilancio dell’azione delle misure di prevenzione personali e patrimoniali, contenute nel cd. Codice antimafia, per esaltare al massimo un penetrante strumento di controllo preventivo della criminalità che la legge assegna al Questore, cioè quello di applicare direttamente o di richiedere al Tribunale incisive misure nei confronti di criminali e per aggredire patrimoni illecitamente costituiti. La quarta ma non meno importante direttrice: il rilancio dell’azione di polizia di prossimità verso la gente, tesa all’ascolto delle persone, all’informazione, comunicazione ed al coinvolgimento della stessa verso i problemi della sicurezza. In questa provincia, ove scarso è il senso del rispetto delle regole, il coinvolgimento della popolazione è fondamentale per la realizzazione di un migliore sistema di sicurezza complessivo perché la sicurezza non può e non deve essere soltanto imposta dalle autorità come un prodotto ma deve essere costruita anche dalla gente che ne beneficia, attraverso una responsabile partecipazione alle dinamiche sociali che si concretizza non solo collaborando con le istituzioni ma assumendo comportamenti corretti, morali, responsabili e rispettosi delle regole che isolino i delinquenti, rendendoli più vulnerabili alla spada della legge».

Di seguito il riepilogo dei delitti commessi nella provincia di Foggia, e nello specifico, le attività del Commissariato di P.S. di Cerignola.

DELITTI COMMESSI nella PROVINCIA DI FOGGIA dal 01/04/2016

al 31/03/2017

dal 01/04/2017

al 31/03/2018

dal 01/01/2017

al 31/03/2017

dal 01/01/2018

al 31/03/2018

OMICIDI VOLONTARI CONSUMATI 18 22 4 2
TENTATI OMICIDI 30 26 6 7
OMICIDI COLPOSI 21 18 0 2
a. Omicidio da incidente stradale 17 14 0 1
b. Omicidio da incidente sul lavoro 0 2 0 0
LESIONI DOLOSE 985 1009 184 131
PERCOSSE 152 153 31 27
 MINACCE 1417 1311 251 185
INGIURIE 471 47 47 0
 FURTI 16705 15323 3077 2829
a. Furto con strappo 174 243 40 56
b. Furto con destrezza 532 568 116 90
c. Furti in danno di uffici pubblici 4 1 1 0
d. Furti in abitazione 1657 1445 315 257
e. Furti in esercizi commerciali 803 696 149 121
f. Furti su auto in sosta 1688 1469 247 284
g. Furti di opere d’arte e materiale archeologico 2 3 1 0
h. Furti di automezzi pesanti trasportanti merci 33 36 6 6
i. Furti di ciclomotori 142 110 25 11
j. Furti di motociclo 146 126 24 13
k. Furti di autovetture 4227 3651 730 738
RAPINE 584 498 143 88
a. Rapine in abitazione 41 44 12 9
b. Rapine in banca 1 10 0 3
c. Rapine in uffici postali 13 2 0 0
d. Rapine in esercizi commerciali 130 105 36 16
e. Rapine a rappresentati di preziosi 0 0 0 0
f. Rapine a trasportatori di valori bancari 0 0 0 0
g. Rapine a trasportatori di valori postali 0 0 0 0
h. Rapine in pubblica via 264 211 56 37
i. Rapine di automezzi pesanti trasportanti merci 3 3 0 0
ESTORSIONI 226 209 33 36
USURA 3 4 0 0
TRUFFE E FRODI INFORMATICHE 1799 1658 357 297
INCENDI 259 332 29 8
 DANNEGGIAMENTI 3076 2920 599 498
DANNEGGIAMENTO SEGUITO DA INCENDIO 555 472 91 55
STUPEFACENTI 511 530 127 103
a. Produzione e traffico 47 37 11 7
b. Spaccio 362 389 90 78
DELITTI INFORMATICI 93 82 22 10
CONTRAFFAZIONE DI MARCHI E PRODOTTI INDUSTRIALI 100 97 13 15

 

Commissariato PS Cerignola dal 01/04/2016

al 31/03/2017

dal 01/04/2017

al 31/03/2018

Dal 01/01/2017 al 31/03/2017 Dal 01/01/2018 al 31/03/2018
Numero persone arrestate 104 105 26 29
Numero persone denunciate in stato di libertà. 214 169 52 41
Persone controllate (con accertamenti specifici) 2.619 1.908 426 630
Veicoli controllati 1.556 978 317 319