Nuova uscita davanti ai propri tifosi per l’Udas Basket Cerignola, nella 14ma di ritorno della serie B: al Pala “Dileo” domani alle 18 sfida contro Civitanova Marche. L’esordio in panchina di Agostino Origlio ha dato benefici soprattutto sull’aspetto psicologico della squadra, che è stata capace a Fabriano di recuperare i 10 punti di svantaggio dell’ultimo quarto e di portare a casa due punti pesantissimi. Il tallone d’Achille dei “cannibali” era stato proprio la mancata reattività nella seconda parte di ogni partita, ma adesso bisogna fare quadrato anche perché vincere contro i marchigiani significherebbe mantenere la quartultima posizione in chiave playout. Ne è convinto Vincenzo Guadagni, ds biancazzurro, che al nostro giornale dice: «Sappiamo bene che cosa ci aspetta domani, Civitanova Marche è una formazione in corsa per i playoff, noi altrettanto per rimanere in questa serie. A Fabriano abbiamo recuperato dieci punti di svantaggio, non era facile né scontato ma ci siamo riusciti. Non abbiamo fatto ancora nulla, ma continuiamo a crederci: stiamo recuperando qualche acciacco e speriamo di farcela, il nostro destino non dipende solo da noi».

E’ utile ricordare che il destino degli udassini è legato anche alla sfida Amatori Pescara-Fabriano: le squadre classificate dal 12º al 15º posto di ogni girone accedono ai playout. Gli ofantini sono sicuri di esserci ed al momento, in virtù degli scontri diretti a favore, sono in vantaggio su Fabriano per la tredicesima piazza. Civitanova Marche si presenta alla sfida in terra cerignolana dopo la sconfitta ad opera della Cestistica San Severo e punta sull’estro della coppia Cassese-Cagnigni con Caviello in cabina di regia, pronta a dare tutto pur di cogliere un risultato positivo: una sfida ad alto tasso adrenalinico e piena di incognite per entrambe.