Terzo pareggio consecutivo per l’Audace Cerignola, il secondo senza reti, nella sfida della 31ma giornata contro il Pomigliano: il punto certifica la qualificazione aritmetica ai playoff, anche se gli ofantini ora occupano il quinto posto. Grimaldi ruota nuovamente gli undici di partenza: Maraolo in porta, Donnarumma sulla fascia sinistra, Moro torna in mediana, Morra è fra i tre di attacco. Il Pomigliano è schierato in campo da Di Costanzo con un 4-4-1-1 nel quale Vincenzo Pisani è supportato da Vitiello. E’ del Cerignola la prima occasione dell’incontro: al 19′ lancio di Moro per Sante Russo, il cross è appoggiato di petto da Longo per Morra, il cui destro termina abbondantemente alto. Tre giri di lancette più tardi, Sante Russo prova a trovare la bordata da posizione defilata, nessun compagno trova la correzione vincente. Il Pomigliano si fa vedere al 26′, con una conclusione fuori bersaglio di Domenico Pisani, al 31′ Longo ispira un contropiede servendo Morra, ma l’ariete non conclude né serve tre gialloblu appostati in area ed è solo corner. Sul finire della frazione, Loiodice calcia a giro, la mira non è delle migliori.

In apertura di secondo tempo, Morra si vede annullare un gol per fuorigioco (48′), il Cerignola domina in quanto a possesso palla tuttavia mancano le chiare pallegol. Fiammata ospite al 55′: Labriola crossa dalla sinistra, Maraolo per poco non combina un pasticcio poi rimedia allontanando il pallone in area piccola. Con l’ingresso di Herrera, i padroni di casa passano al 4-4-2: il neoentrato e Loiodice agiscono fra le linee per cercare di prendere d’imbucata la retroguardia granata. Di Bari in proiezione offensiva (72′) indirizza un mancino senza la dovuta forza, con Caparro che blocca agevolmente. Carannante serve Loiodice, il destro non centra lo specchio della porta, poi Maraolo è bravo a deviare in angolo una punizione dalla lunga distanza di Romeo, già sporcata dalla barriera (81′). L’ultima opportunità è per Loiodice, che con una finta disorienta un avversario prima di calciare un sinistro debole e innocuo per il portiere campano.

Decimo risultato utile di fila per gli ofantini, centrati i playoff ma la vittoria del Taranto fa indietreggiare l’Audace in quinta piazza. Domenica prossima in programma la trasferta a Francavilla in Sinni, con i lucani capaci oggi di violare il terreno dell’Altamura.

Questo slideshow richiede JavaScript.

AUDACE CERIGNOLA-POMIGLIANO 0-0

Audace Cerignola: Maraolo, Russo L., Di Bari, Allegrini, Donnarumma (64′ Di Cillo), Russo S. (58′ Herrera), Moro, Carannante, Morra (75′ Maiorano), Longo, Loiodice. A disposizione: Abagnale, Pollidori, Ngom, Ciano, Matere, Barrasso. Allenatore: Teore Grimaldi.

Pomigliano: Caparro, Avella, Mannone, Alfano, Romeo, Chiavazzo, Pisani D. (93′ Panico), Vitiello, Pisani V. (90′ Savarise), Labriola (64′ D’Angelo), Di Finizio. A disposizione: Alcolino, Marotta, Allegra, Del Prete, Padulano, Di Siervi. Allenatore: Cuono Di Costanzo.

Ammoniti: Moro, Herrera (AC); Vitiello, Alfano, Chiavazzo, Mannone (P).

Angoli: 4-3. Fuorigioco: 5-6. Recuperi: 0′ pt, 4′ st.

Arbitro: Milana (Trapani). Assistenti: Treve (Seregno)-Giorgi (Legnano).