«Sarà un’occasione per coinvolgere tutti i bambini di Cerignola che coloreranno tutta la città»: con queste parole, l’Assessore alla Politiche Sociali Rino Pezzano ha introdotto “A braccia aperte”, l’iniziativa dedicata ai più piccoli – promossa dall’Assessorato con la collaborazione dell’associazione “Neverland” e della parrocchia “SS Crocifisso” – che si svolgerà a Cerignola a partire dal pomeriggio di sabato 21 aprile sino alle 22 di domenica prossima con l’evento clou della manifestazione: il concerto di Cristina D’Avena in villa.

«L’idea era quella di partire dai più piccoli per dedicare loro una due giorni che si occupasse non solo dell’aspetto ludico ma anche dell’aspetto formativo», spiega l’Assessore Rino Pezzano, il quale ha sottolineato come ci sia stata una grande partecipazione da parte del terzo settore: «La città ha risposto alla grande dando un grande contributo al programma. Siamo riusciti a coinvolgere tutti gli ambienti della nostra città, dalle parrocchie alle realtà associative e sportive». Secondo Pezzano questa iniziativa ha anche il fine di dare nuova linfa alla vita comunitaria ed indicare una strada sulla quale si può proseguire in futuro: «L’intenzione è far comprendere che abbiamo la possibilità di crescere come città e lanciare un segnale alle nuove generazioni da cui Cerignola deve cercare di ripartire per invertire la rotta».

Gli fa eco Daniele Dileo dell’associazione “Neverland”: «Mettersi in gioco significa non rimanere fermi ma prendersi ognuno le proprie responsabilità in base al ruolo che abbiamo ed è stato bello vedere la cittadinanza darsi da fare per sostenere questo progetto». Tante le attività ludiche comprese in questa iniziativa, dai giochi di gruppo alla musica, passando per la magia, senza però dimenticare l’aspetto formativo. Proprio riguardo questo ambito domenica alle ore 19 presso la parrocchia “SS Crocifisso” si terrà un seminario con Andrea Mori, direttore culturale della Coop. Soc. “Progetto Città” di Bari, innovatore sociale ed esperto di Animazione Sociale e Pedagogia del Gioco e dell’Immaginario.

Spiega a tal proposito il parroco Fra’ Gerardo Caruso: «Abbiamo cercato qualcuno che ci parlasse dei diritti dei bambini e abbiamo trovato questa persona fantastica che è Andrea Mori, il quale aiuterà animatori, formatori e e tutta la cittadinanza a far comprendere che i bambini hanno diritto al gioco, a stare insieme, ad avere spazi puliti ed idonei a loro dedicati per crescere ed incontrare l’altro». «Questa iniziativa consentirà a tutti noi di godere con i nostri bambini della nostra città – conclude il Sindaco Franco Metta –. Sarà un successo strepitoso e vedremo la nostre strade invase dai bambini e dai loro genitori. Cerignola diventerà di volta in volta la città della cultura, dello sport, del divertimento, a misura di bambino».