carabinieri-cerignola

Continuano serrati i controlli da parte dei Carabinieri della Compagnia di Cerignola. Tra il centro ofantino e Margherita di Savoia sono stati arrestati due pregiudicati, mentre un terzo è stato deferito in stato di libertà.

A finire in manette a Cerignola è stato GIORDANO NUNZIO, cl. ’92, pregiudicato cerignolano. L’uomo, ai domiciliari dal gennaio dell’anno scorso, quando venne sorpreso con indosso oltre 120 grammi di cocaina, oltre a marijuana ed hashish, è stato sorpreso a casa con uno spinello. Il Giudice competente, quindi, non ritenendo più la misura dei domiciliari idonea, l’ha revocava e ha disposto per il malfattore la custodia cautelare in carcere. Dopo gli accertamenti di rito, quindi, i militari della locale Stazione lo hanno associato alla Casa Circondariale di Foggia.

Sempre i militari della Stazione di Cerignola, poi, hanno deferito in stato di libertà un cittadino rumeno. Lo stesso, bloccato a bordo di un furgone sospetto, è ora accusato di ricettazione. E infatti, gli accertamenti effettuati sul mezzo hanno permesso di stabilire la provenienza illecita dello stesso, rubato nei giorni precedenti in un deposito di Bitonto.

A Margherita di Savoia, invece, i militari della locale Stazione hanno arrestato IURILLI MICHELE, cl. ’86, pregiudicato del posto. L’uomo, sottoposto alla misura alternativa della detenzione domiciliare per scontare la pena inflittagli per ricettazione, è stato sorpreso all’esterno della propria abitazione. Risottoposto agli arresti domiciliari, risponderà del reato di evasione.