Nell’ultima uscita stagionale davanti ai suoi tifosi, l’Audace Cerignola pareggia 3-3 col Gravina in una sfida scoppiettante, specie nella ripresa: gli ofantini rimontano due gol di svantaggio e quasi ribaltano la situazione sfiorando il successo. Ciano e Maraolo in porta sono le uniche novità dal 1′ rispetto alla partita di Francavilla, Doudou schiera il Gravina con un 4-4-2 nel quale gli avanti sono Molinari e Leonetti. Prima opportunità al 4′ con Morra servito da Loiodice, il diagonale è parato in due tempi da Lullo, a seguire al 6′ Sante Russo calcia alto su cross di Di Cillo. Longo non impatta ottimamente di testa su traversone di Loiodice, gli ospiti cercano di offendere con l’innocua conclusione di Balzano bloccata da Maraolo. Su tiro deviato di Sante Russo, Longo di testa non imprime la forza necessaria alla sfera di testa: i murgiani si fanno pericolosi in ripartenza, Leonetti chiama alla risposta in due tempi Maraolo. Incontro vivace e che non annoia, Carannante ignora sulle fasce Longo e Loiodice preferendo una soluzione dalla distanza abbondantemente alta sulla traversa. Molinari non punge in area, poi quando tutto sembrava propendere verso un intervallo a reti inviolate proprio al 46′ Molinari su punizione da posizione molto decentrata porta in vantaggio il Gravina. Eclatante però la papera di Maraolo che si lascia sfuggire il pallone sotto il fianco.

La formazione di Doudou raddoppia nelle prime fasi della ripresa: Molinari allarga per Balzano, esterno destro fulmineo e palla nell’angolino. Il Cerignola reagisce immediatamente: Longo viene messo giù in area da Ceglie e la signora Marotta indica il dischetto, con lo stesso bomber campano a trasformare la massima punizione (51′). I baresi però riallungano poco dopo grazie al subentrato Caruso, il quale si gira su sé stesso e fa partire un destro radente imprendibile per Maraolo. Anche in questa circostanza l’Audace replica istantaneamente, ma la rovesciata di Morra meritava miglior fortuna, terminando appena larga. E’ al 55′ una pennellata su calcio piazzato di Marinaro (in campo per Sante Russo) ad accorciare nuovamente: sfera nel sette e Lullo battuto per la seconda volta. I gialloblu locali spingono: Carannante va di testa, Santoro rischia l’autogol poi recupera concedendo l’angolo. Una sortita di Mbida dall’altra parte fa correre un ulteriore pericolo per gli ofantini, il sinistro dai 30 metri lambisce l’incrocio dei pali. Il 3-3 giunge al 76′: servizio sulla corsia di sinistra per Longo, che palla al piede trafigge Lullo con un preciso diagonale mancino per la quindicesima gioia personale in campionato. Tre minuti più tardi, la più grossa chance per rimontare completamente capita sui piedi di Morra: l’ariete prima colpisce il compagno di squadra Longo, poi in seconda battuta trova il salvataggio sulla linea di Lullo. Il finale di gara è aperto a qualsiasi soluzione, ma il punteggio non cambia più, da segnalare il rientro di Massimo Pollidori per qualche minuto col centrocampista barlettano assente da oltre quattro mesi.

Il Cerignola chiuderà quinto la regular season e domenica prossima andrà a Picerno per giocare l’ultima di campionato: nella semifinale playoff poi, si troverà di fronte la Cavese.

AUDACE CERIGNOLA-GRAVINA 3-3

Audace Cerignola: Maraolo, Russo L. (67′ Allegrini), Ciano, Di Bari, Di Cillo, Russo S. (56′ Marinaro), Carannante, Ngom, Morra, Longo (90′ Pollidori), Loiodice. A disposizione: Abagnale, Cappellari, Matere, Parise, Cianci, Barrasso. Allenatore: Vincenzo Silvestri.

Gravina: Lullo, Ceglie, Santoro (82′ Ceijas), Fanelli (60′ Cichella), Balzano (82′ Correnti), Chiaradia, Gava, Mbida, Molinari, Leonetti (53′ Caruso), Suso (46′ Ferraioli). A disposizione: De Santis, Cilifrese, Filip, Strippoli. Allenatore: Diaw Doudou.

Reti: 46′ pt Molinari (G), 49′ Balzano (G), 51′ Longo rig., 55′ Caruso (G), 60′ Marinaro, 76′ Longo.

Ammoniti: Longo (AC); Suso, Fanelli, Balzano (G).

Angoli: 7-0. Fuorigioco: 4-0. Recuperi: 1′ pt, 6′ st.

Arbitro: Marotta (Sapri). Assistenti: Petrini (Rieti)-Santoruvo (Piacenza).

CLASSIFICA ALLA TRENTATREESIMA GIORNATA

Potenza 80; Cavese 75; Team Altamura 66; Taranto 65; Audace Cerignola 61; Az Picerno, Nardò 52; Gravina 51; Gragnano, Francavilla in Sinni 39; Turris (-4) 36; Sarnese (-2) 35; Pomigliano 34; Alto Tavoliere San Severo 33; Frattese 32; Aversa Normanna 29; Manfredonia (-5) 14; Sporting Fulgor 13.