Lo avevamo scritto lo scorso 20 aprile e adesso sono ufficiali le dimissioni di Antonio Lionetti. A comunicarlo è lo stesso oramai ex-assessore all’Ambiente con una nota stampa. «A conferma delle voci circolate nei giorni scorsi – scrive Lionetti -, comunico alla cittadinanza le dimissioni da Assessore all’Ambiente e alla Salute del Comune di Cerignola. Una decisione fortemente meditata e maturata da ragioni di natura privata e personale. Ringrazio il Sindaco per aver subito compreso le motivazioni che hanno accompagnato la mia lettera di dimissioni e a lui va anche la mia profonda gratitudine per avermi dato l’opportunità di cimentarmi in questa intensa esperienza amministrativa. Ai cittadini tutti e soprattutto ai miei elettori, manifesto il mio rammarico per non aver avuto la possibilità di raggiungere gli obiettivi che mi ero prefissato in campagna elettorale in materia di tutela ambientale. La mia sensibilità sull’estrema esigenza di avere una particolare attenzione alla salvaguardia del territorio in cui viviamo non è stata scalfita minimamente e continuerò ad impegnarmi affinché si sviluppi una coscienza ambientale più virtuosa. Auguro buon proseguimento all’intera assise comunale e una particolare riconoscenza nei confronti dell’amico Rino Pezzano per la sua particolare vicinanza nei miei confronti».

Nessuna polemica nelle parole di Lionetti, anche se in filigrana l’ex-delegato conferma di non esser riuscito a raggiungere certi obiettivi, senza precisarne tuttavia le ragioni. Quella quindi che era una voce circolata, oggi viene confermata dal diretto interessato. A sostituirlo sarà verosimilmente nelle prossime ore Sandro Moccia, anche questa indiscrezione circolata insistentemente da giovedì negli ambienti cicognini e poi confermata da diversi consiglieri di maggioranza. Un cambio che arriva in un momento difficile per il comparto ambiente, soprattutto sul fronte rifiuti, con Franco Metta impegnato nello sbrogliare la matassa.