Si concluderà a Picerno la regular season dell’Audace Cerignola nel girone H di serie D: per gli ofantini la trasferta in Basilicata rappresenterà la prova generale della semifinale playoff, che andrà in scena domenica 13 sempre lontano da casa e con la Cavese. I ragazzi di Vincenzo Silvestri sono reduci dal pareggio casalingo ricco di gol col Gravina: un 3-3 in cui i gialloblu hanno saputo reagire, rimontando l’1-3 dei murgiani e mancando di un soffio l’occasione anche per vincere la partita e salutare il “Monterisi” con un successo. Ultima di campionato che rivestirà una certa importanza per l’Audace, perché una vittoria su un campo ostico come Picerno sarebbe una bella iniezione di fiducia per andare poi ad affrontare il playoff contro i metelliani. Manca da più di un mese (dal 29 marzo) il bottino pieno al Cerignola, che dopo il 3-0 alla Frattese ha ottenuto tre pareggi ed una sconfitta: bisogna tornare indietro all’11 febbraio invece per ricordare l’ultima volta nella quale sono arrivati i tre punti esterni, proprio contro la Cavese. Silvestri esige concentrazione e determinazione, il confronto di domani ha l’obbligo di fornire risposte e indicazioni al tecnico su questi aspetti. Dopo il rientro di Pollidori, in campo per uno scampolo di match domenica scorsa, potrebbe riassaggiare il campo anche Michele Cappellari, fermo da settimane per infortunio. Non ci sarà per squalifica bomber Fabio Longo, possibile opzione Cianci con Morra spostato al centro nel reparto avanzato: per il resto, dubbio in porta fra Maraolo e Abagnale, mentre sembrano confermate le altre maglie da titolare.

Il Picerno al momento è sesto in classifica con 52 punti (bilancio complessivo di quattordici vittorie, dieci pareggi e nove ko): i lucani hanno l’obiettivo di confermare la prestigiosa posizione, confezionando una buona prova davanti ai propri tifosi. Una stagione tranquilla per la formazione allenata da Pasquale Arleo, sempre attestatasi nella parte sinistra della graduatoria e che sul proprio terreno si è tolta lo sfizio di superare Potenza e Cavese. I rossoblu, che hanno in Agresta, Franzese ed Emmanuele Esposito (11 gol per lui in campionato) le pedine più rappresentative, nel mercato hanno operato bene con gli arrivi di Crucitti in mediana dal Taranto e di Romano dal Manfredonia in attacco.

All’andata terminò 0-0, in un match che il Cerignola provò a scardinare in tutte le maniere, senza riuscirvi. Calcio d’inizio allo stadio “Donato Curcio” alle ore 15, con la direzione arbitrale affidata alla signora Garoffolo, della sezione di Vibo Valentia.