Sfuma al quinto set di una sfida bella ed affascinante la promozione della Fenice Volley Cerignola in serie B. Tuttavia gli ofantini avranno un’altra occasione già sabato prossimo, contro la vincente tra Turi e Sammichele di Bari, che si sfideranno mercoledi per strappare l’ultimo pass per la finalissima.  Una partita ricca di emozioni che ha avuto il suo vincitore solo al quinto set, dopo oltre due ore di vera battaglia agonistica, sul campo e sugli spalti, tra due tifoserie che probabilmente neanche in categorie superiori si vedono. Sotto gli occhi di circa 1200 persone, Tauro sceglie il suo sestetto migliore, piazzando Marcone in cabina di regia con Toma in diagonale, Petruzzelli e Mennuni di banda, Mancini e Mitidieri al centro e Calitri libero.

Non partono benissimo i Diavoli Rossi, che subiscono la veemenza salentina, andando sotto al primo break per 6-1. Ma la risposta non tarda ad arrivare ed i ragazzi di Cerignola spingono ed accorciano le distanze dagli avversari, andando ad arrivare fino al 10-8. La sfida è bella e divertente ed il pubblico apprezza la tecnica, sicuramente di altro livello. L’ErricoTecnomaster.biz Fenice tuttavia, commette alcune ingenuità, che consentono al Casarano di avere vita facile nel set, andando a piazzare un 25-15 secco e senza attenuanti. Tauro in panchina serra le fila e si alza l’adrenalina dei giocatori, che scendono sul parquet con un piglio decisamente diverso. Questa volta il break positivo è per i ragazzi di Cerignola che conducono il set in apertura per 4-9. Il Casarano guidato da Guerrieri e Lomurno sugli scudi, ribalta le sorti del set, difendendo una serie offensive ofantine, e ritornando in vantaggio per 13-10. La Fenice non demorde e lotta con veemenza per raggiungere la parità nei set. Toma e Mennuni salgono in cattedra ed il Casarano sbaglia alcune palle importanti. Il set lo conquista Cerignola per 25-23 ed è 1-1!

La sfida si incendia e l’aver rotto gli indugi in casa Casarano per la Fenice è fonte di grande motivazione. La sfida si fa aspra, con la tensione che sale in campo e sugli spalti, sempre nel massimo rispetto delle regole. In una vera e propria bolgia, Casarano conduce un set quasi privo di sbavature, tenendo a distanza i ragazzi di Tauro e vincendo in scioltezza per 25-17 e portandosi sul 2-1. A questo punto la Fenice non ha altra possibilità che giocare a tutto braccio senza più nulla da perdere. Il quarto set è spettacolo puro, con una lotta punto a punto, che vedrà la Fenice spuntarla per 25-23 e partita incredibilmente portata sul 2-2. Allo stremo delle forze, dopo oltre due ore di gara ed un caldo torrido in un palazzetto stracolmo, il Casarano inizia sembra avere ancora un pò di energie per vincere il set, trascinati da un immenso Guerrieri, che porterà alla vittoria i suoi ragazzi ed è festa salentina, che conquista il 3-2. Qualche rammarico in casa Cerignola per non aver brillato, ma niente scoramenti, avendo ancora un’altra chance per la promozione, contro Turi o Sammichele di Bari che si contenderanno il pass per affrontare la Fenice.

E’ il momento di fare scudo e ritrovare le forze specialmente mentali, come definisce Tauro: “E’ stata una partita giocata a corrente alternata, avevamo di fronte un grande avversario, al quale vanno solo fatti i nostri complimenti, per aver giocato tre gare spettacolari. Abbiamo dato tutto quello che potevamo, forse al quinto set potevamo fare meglio, ma dopo una gara del genere, non posso rimproverare nulla ai miei ragazzi. Adesso dobbiamo ricompattarci, mancano due settimane al termine della stagione ed abbiamo l’ultima occasione per centrare l’obbiettivo, la chiave è sempre la stessa: il gruppo..la squadra.”.

Bisogna subito guardare avanti e non pensare a questa sconfitta, questo il diktat societario, tramite le parole di A. Colagiacomo, addetto stampa Fenice: “E’ stata una grande partita, ci sentiamo di ringraziare uno ad uno i tifosi che hanno deciso di seguire ancora una volta questa grande squadra. Sono stati immensi.  Ci aspetta un’altra sfida, dobbiamo rimboccarci le maniche e fare il massimo per conquistare il traguardo. Tutti insieme e con questo spirito, possiamo farcela.”. Appuntamento dunque a sabato prossimo per la finalissima playoff che vedrà contrapposti la Fenice e la vincente tra Turi e Sammichele.